DER KAISER – Vautours

DER KAISER – Vautours

 
Gruppo: Der Kaiser
Titolo: Vautours
Anno: 1984
Provenienza: Francia
Etichetta: Devil's Records
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. Saga Des Fers
  2. Non Retour
  3. Paris By Night
  4. Der Kaiser
  5. Cité Féroce
  6. Bloody Mary Club 69
  7. Der Krieger [strumentale]
  8. Bourreau Des Cœurs
DURATA: 38:42
 

Orwell, scrivendo il libro "1984", si rese conto dell'importanza che avrebbe avuto quel decennio per il futuro del Metal? Nel corso della sua storia Parigi fu la sede dell'imperatore, più tardi, senza davvero rendersene conto, divenne madre del quintetto con l'arrogante nome Der Kaiser. Correva l'anno 1981 e il gruppo formato di fresco combatteva con una malattia diffusa ancora oggi: la cronica difficoltà a trovare una formazione fissa e affiatata. L'arrivo di Pascal alla voce stabilizzò provvisoriamente la situazione.

Il debutto "Vautours" (avvoltoi) nacque dalle esperienze accumulate con due cassette demo, "Paris By Night" del 1983 e "Fooling Around" uscita l'anno seguente. Der Kaiser si presentava sulle assi abbigliato in pezzi d'uniforme napoleonica, differenziandosi dal resto della scena e dicendo così «noi siamo qualcosa di particolare».

I testi in francese, composizioni vicine agli Iron Maiden con i tipici cavalcati o tremoli e la particolare voce di Pascal danno un viso all'Imperatore. Mentre all'epoca molti cantanti si comportavano da giocolieri con acuti altissimi, Pascal resta più basso di tono e vanta un'eccellente dote nel muoversi tra note lontane fra loro per creare scale complesse e avvincenti. Basta ascoltare "Saga Des Fers" per rendersi conto delle sue qualità e domandarsi se gli Urfaust si siano ispirati a esse. Le chitarre si comportano in maniera analoga, sfruttando la base NWOBHM ed elaborandola fino all'osso per creare una scelta di ritmi vasta, inabituale e impegnativa. Tratti melodici, ogni tanto melanconici, passano il testimone a parti Speed o ad altre davvero ricche di mordente come l'inizio di "Paris By Night". Anche gli assoli sono ricercati e viziano l'ascoltatore con l'ottima qualità esecutiva. Come detto prima, l'influenza degli Iron Maiden è chiara e netta, ma ascoltando attentamente scoprirete veli classici, Black Sabbath o addirittura della New Wave tanto moderna allora.

Der Kaiser fu uno dei gruppi più fantasiosi ed esotici nel quadro Heavy francese assieme agli High Power e una vera perla per buongustai di quel periodo e del genere.

Facebook Comments