(DRAMA) – Zastor Tišine

(DRAMA) – Zastor Tišine

Informazioni
Gruppo: (drama)
Titolo: Zastor Tišine
Anno: 2011
Provenienza: Croazia
Etichetta: Altsphere Production
Contatti: myspace.com/dramadoom
Autore: Mourning

Tracklist
1. U Tugu Zagledan
2. Novi Dan
3. Olovo I Sjene
4. Prolaznost
5. Moje Meso
6. Onako Kako Samo Ona Zna
7. Pod Plamenom
8. Pred Beskrajem
9. Kiša
10. Tinta
11. Namjere
12. Vakuum Duša

DURATA: 01:06:37

(DRAMA) - Zastor Tišine Le sorprese più inaspettate alle volte si trovano talmente vicine da non rendercene conto, non avevo mai pensato che la Croazia avesse una band di valore come i (drama), è stato il solito errare notturno nel moribondo luogo virtuale che è l’odierno Myspace a farmi entrare in contatto con la musica del quintetto.
Il primo album “Zastor Tišine”, originariamente rilasciato sotto forma di autoproduzione, nel 2011 ha trovato il supporto dell’Altsphere Production che a quanto sembra è riuscita a dare un minimo di risonanza a un’uscita che sarebbe stata colpevolmente trascurata.
Sì, colpevolmente, il disco è un buon esempio di come il movimento doom orientato a farsi supportare dalle peculiarità gotiche sia in salute, le caratteristiche ritmiche, i cambi ambientali e umorali chiaramente percettibili a pelle durante l’ascolto, la piacevole convivenza di un riffing agrodolce fatto di distorsione e acustico viaggiare, alla pari dell’operato dietro al microfono che vede alternarsi un più che discreto growl ad aperture flebili ed emotivamente spiccanti in clean, favoriscono il fluire delle sensazioni all’interno di brani eleganti e mai forzati.
Pur non sprofondando in territori funerei, i (drama) ne posseggono alcune doti, quel sentore di etereo che percorre le tracce e il mood capace di dilatare inverosimilmente l’impatto facendolo divenire quasi un leggero soffio che incrocia l’orecchio. Si evidenzia nel contrasto portato dalle fasi più celeri con quelle evocative, leggiadre e nelle quali prende parte anche la voce lirica femminile (“Onako Kako Samo Ona Zna”) che in quel frangente ne aumenta il calore e l’umanità trasmesse, si respira un’aria intrisa di dramma, sarebbe stato opportuno entrare in contatto con i testi ma la barriera linguistica purtroppo non ha giocato a mio favore, d’altro canto però trovo apprezzabile il non voler snaturarsi utilizzando il proprio idioma nazionale a favore del commerciale inglese.
La formazione è in grado di attrarre, gli amanti della scena doom melancolica di stampo My Dying Bride riscontreranno a esempio la presenza di più di un punto di contatto con gli illustri britannici, potrebbero quindi trovare particolarmente affascinante un ascolto come “Zastor Tišine”; in linea generale consiglio però un “on air” simile a tutti gli appassionati del genere, sono bravi e auguro loro di riuscire a ritagliarsi nel tempo lo spazio che meritano.

Facebook Comments