DREAM CIRCUS – China White

 
Gruppo: Dream Circus
Titolo: China White
Anno: 2015
Provenienza: Portogallo
Etichetta: Ethereal Sound Works
Contatti:

Facebook  Soundcloud

 
TRACKLIST

  1. Burning Man
  2. Control
  3. Peel
  4. Save Yourself
  5. Ticking
  6. Under Your Skin
DURATA: 22:12
 

I lusitani Dream Circus proseguono il loro viaggio all'interno delle sonorità anni Novanta che hanno fatto la storia della Seattle che conta. Al tempo dell'uscita dell'esordio discografico "Land Of Make Believe", pur non brillando per ciò che riguarda la personalità, la formazione mi aveva fatto trascorrere tre quarti d'ora in compagnia di musica che valesse la pena di essere ascoltata, piazzando dieci brani ispirati da Alice In Chains e Soundgarden in grado di emanare l'aura particolare che solo quella scena possedeva. Il quintetto riparte ancora una volta da quelle storie, dando vita al nuovo "China White".

Come scrissi due anni or sono, anche in questa occasione non c'è nulla che veramente non vada nei ventidue minuti e poco più del lavoro. Il gruppo ha le idee chiare e le mette in pratica con gusto, sia per ciò che riguarda l'aspetto prettamente compositivo che quello esecutivo. La prestazione si fa forte di grinta, groove, tratti metallici e un James Powell dietro al microfono abile nell'interpretare le canzoni con un'accezione alla Layne Staley, mettendo in mostra il potenziale di una compagine che suona ciò che le piace.

In conclusione, la solfa di "China White" è proprio la stessa di "Land Of Make Believe": chi ha ascoltato, ascolta e continuerà ad ascoltare gli album di Cantrell e soci, sottoscritto compreso, non potrà rimanere indifferente alla buona proposta dei Portoghesi. Certamente il dazio pagato nel tributare omaggio agli Statunitensi è forse sin troppo esagerato, ma nonostante ciò il nuovo disco conferma lo stato di forma della band, che una volta chiamata in causa porta a termine il proprio compito con soddisfazione. Chiamatela grunge, chiamatela alternative rock-metal, poco importa: si parla di buona musica.

Facebook Comments