DREAMS AFTER DEATH / NAGAARUM – Kuiper

DREAMS AFTER DEATH / NAGAARUM – Kuiper

 
Gruppo: Dreams After Death / Nagaarum
Titolo: Kuiper
Anno: 2013
Provenienza: Ungheria
Etichetta: GS Productions
Contatti:

Dreams After Death: Sito web  Facebook  Twitter  Youtube  Bandcamp

Nargaatum: Sito web  Facebook  Youtube  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Dreams After Death – Beyond The Planets
  2. Dreams After Death – Gate To The Unknown
  3. Dreams After Death – Frozen Light
  4. Dreams After Death & Nagaarum – Kollidum
  5. Nagaarum – Impakt
  6. Nagaarum – A Peremnél
  7. Nagaarum – Dave
  8. Nagaarum – A Null-Dimenzióhoz
DURATA: 01:11:11
 

«La Fascia di Kuiper o Fascia di Edgeworth-Kuiper, dal nome dei due astronomi Kenneth Edgeworth e Gerard Kuiper, è una regione del Sistema Solare che si estende dall'orbita di Nettuno». Forse vi starete chiedendo perché si dovrebbe iniziare una recensione così, ebbene il motivo risiede nel titolo dato a questo split rilasciato ufficialmente nel 2013, che vede collaborare i due progetti solisti ungheresi Dreams After Death e Nagaarum, i quali traggono ispirazione proprio da quella particolare zona dell'universo.

Le formazioni in questione — la prima già nota ad Aristocrazia, in quanto recensita in passato proprio dal sottoscritto in occasione dell'uscita di "Embraced By The Light" — si sono unite per dar vita a una prestazione nella quale lo spazio assume forme sconfinate e dispersive, con l'aura funeral doom alienante e siderale della sezione composta da András Illés che ben si sposa con le atmosfere ambient rilassanti e oblianti in dotazione al collega Nagaarum. Tale connubio artistico trova poi piena realizzazione nella traccia di cui sono coautori: "Kollidum".

L'ascolto degli otto episodi è ammaliante e la prova tutto sommato si può definire semplice nello sviluppo. Pur non calcando la mano su caratteristiche sonore funeree per raffigurare forme di decadenza abissale e grigiore perdurante, le band sono abili nell'esplorare ed espandere l'atmosfera, aumentando il tasso di emotività onirica dei brani. La scaletta è equilibrata e costantemente sostenuta da una sensazione cullante e distensiva che la rende similare a un oceano di dimenticanza, nel quale gradualmente e gradevolmente si finisce per affondare.

"Kuiper" è uno split ben riuscito, un'ora di buona musica che permette di viaggiare e che con tutta probabilità — sempre che siate fruitori dei generi sopracitati — potreste trovare interessante. Nel caso in cui poi voleste approfondirne la conoscenza, magari prima di un eventuale acquisto, vi consiglierei di visitare il sito ufficiale di Nagaarum, dato che l'artista vi permette di scaricarlo gratuitamente: vi basta un click e il più è fatto.

Facebook Comments