DYSANGELIUM – Holykaust

DYSANGELIUM – Holykaust

 
Gruppo: Dysangelium
Titolo: Holykaust
Anno: 2014
Provenienza: Repubblica Ceca
Etichetta: Gothoom Productions
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. Intro
  2. Apocalyptic
  3. Inferno
  4. Freedoom
  5. Holykaust
  6. Necrocult
  7. Dystopia
  8. Dysangelium
  9. Oblivion
  10. Dawn
DURATA: 48:00
 

Legnate, legnate, solo elementari legnate! Sul finire del 2014 tornano in scena i cechi Dysangelium, che dopo aver esordito due anni fa con l'autoprodotto "Maniachrist" ora spiattellano nove nuovi pezzi, che vanno a comporre il secondo disco intitolato "Holykaust". Le parole d'ordine che guidano il gruppo est-europeo sono due: death metal e anni Novanta.

La proposta è saldamente ancorata a quanto noto agli amanti delle produzioni espresse in quel periodo e sono facilmente riscontrabili le molteplici influenze di realtà famosissime quali a esempio Deicide, Cannibal Corpse, Obituary, Incantation e gli storici conterranei Krabathor, anche se la lista di nomi come al solito potrebbe essere ben più lunga. Su queste basi vengono modellati quasi cinquanta minuti di bastonate malsane e discretamente intarsiate da scelte melodiche nel lavoro di chitarra; intarsio presente sia in chiave ritmica che in ambito di divagazione solistica. La scaletta è granitica, non contiene passi falsi né canzoni eccelse, è un monolite che avanza con passo deciso e serrato. Quando la band decide di alzare i ritmi regala le botte migliori ("Necrocult" e "Oblivion"), tuttavia anche le situazioni in cui si palesano varianti thrash ("Necrocult") o l'atmosfera diviene oscura e retrò garantiscono un buon supporto. Non sono comunque da disprezzare nemmeno i brani che permettono di scuotere animatamente la testa quali "Inferno", "Freedom", "Holykaust" e "Dystopia".

La prestazione strumentale è tutto sommato convincente: Vihar (Klan) e Dedek alle sei corde gestiscono bene le soluzioni legate alla scena dei '90; l'assetto ritmico impostato dal bassista Oták e dal batterista Ctibor (Sabathory) si pone in linea con l'operato chitarristico, con quest'ultimo pronto a sorreggerlo con il dovuto dinamismo e una più che discreta robustezza; infine la prova del cantante Nekro (Zordon) è riconducibile in varie circostanze per il tipo di voce e il modo di porsi sulle basi a quelle di colleghi ben più conosciuti, a voi indovinare chi siano tali personaggi.

In conclusione, "Holykaust" è la classica uscita che una volta inserita nel lettore non vi farà sprecare il tempo speso in sua compagnia, nonostante la produzione conferitale possa rivelarsi un aspetto sul quale discutere: se da un lato infatti fa sì che la strumentazione sia decisamente intellegibile come dimostrato dalla resa e dall'evidenza del basso, dall'altro la scelta del suono affibbiato alla batteria non è del tutto invitante. In fin dei conti però è meglio non farsi troppe paranoie e prendere i Dysangelium per ciò che sono: manovalanza death metal. Se ciò vi dovesse bastare, non mi rimane che augurarvi un buon ascolto.

Facebook Comments