DYSMORPHIC – A Notion Of Casuality

DYSMORPHIC – A Notion Of Casuality

 
Gruppo: Dysmorphic
Titolo:  A Notion Of Casuality
Anno: 2013
Provenienza: Francia
Etichetta: Unique Leader Records
Contatti: Facebook  Twitter  Soundcloud  Youtube  Bandcamp
 
TRACKLIST

  1. A Notion Of Causality
  2. Suffer By Our Ancestors
  3. Penitentiary Of Letdown
  4. Underlying Reality
  5. Sceptical Existence
  6. Cerebral Hemispheres
  7. Disenchantment
  8. Through The Eyes Of Madness
  9. Deafening Screams Of Pain
  10. A Frame Too Small
  11. Flavors Of Unknown Spaces
DURATA: 41:40
 

I Dysmorphic sono l'ennesima creatura devota al death tecnico che debutta sostenuta dall'etichetta statunitense Unique Leader. La compagine francese dopo aver dato alle stampe tramite autoproduzione l'ep di debutto sfodera una bella prestazione in "A Notion Of Causality", album che colpisce nel segno grazie a una serie di randellate persistenti e tocchi di fino, a un'equilibrata dose di melodia malsana e brutalità cruda, avvalendosi inoltre di riff vorticosi e spietati assestamenti ritmici classici per la forma brutale del genere .

I transalpini — pur pescando in maniera evidente da una serie di formazioni ben più note e rodate, dai Suffocation ai connazionali Gorod, dai Death ai Morbid Angel, passando per Decrepit Birth e Obscura — mettono a disposizione dell'ascoltatore brani ben costruiti. È così possibile apprezzare il lavoro dei singoli: in un paio di occasioni spicca l'operato svolto sia dal bassista Johann Sadok (si ascoltino a esempio "Underlying Reality", "Defeaning Screams Of Pain" e la conclusiva "Flavors Of Unknown Spaces") che dal batterista Quentin Regnault (prendete in considerazione "Disenchantment" e "Through The Eyes Of Madness"). Al tempo stesso le movenze del complesso sono solide: ovviamente i chitarristi Eric Ht e Julio Martinez (anche seconda voce) fanno la voce grossa, mentre Baptiste Boudoux dispone di un growl-scream discretamente intellegibile ed efficace, insomma una bocca da fuoco adeguata.

Seppur stiano muovendo solo i primi passi, i Dysmorphic sembrano essere già in grado di soddisfare il nostro orecchio. Certamente il panorama nel quale s'inseriscono è affollato, ma "A Notion Of Casauality" dovrebbe riuscire ad aprirsi uno spiraglio nella girandola di troppi nomi che si vanno sommando di giorno in giorno; una volta trovata la via d'accesso al vostro udito, chissà che non riesca pure a convincervi. Il futuro per la band potrebbe essere roseo, vi suggerisco quindi di non perderla di vista e quale miglior modo di farlo se non trascorrendo parte del vostro tempo in compagnia della loro musica?

Facebook Comments