EARTH – Primitive And Deadly

Gruppo:Earth
Titolo:Primitive And Deadly
Anno:2014
Provenienza:U.S.A.
Etichetta:Southern Lord Recordings
Contatti:Sito web  Facebook  Twitter  Bandcamp  Instagram  Spotify  Soundcloud
TRACKLIST

  1. Torn By The Fox Of The Crescent Moon
  2. There Is A Serpent Coming
  3. From The Zodiacal Light
  4. Even Hell Has Its Heroes
  5. Rooks Across The Gate
DURATA:47:16

Non si può rimproverare nulla agli Earth, del resto la classe non è acqua e la formazione di quel geniaccio di Dylan Carlson, ormai tra i piedi dal lontano 1990, ha sempre dimostrato di possederne tanta, riuscendo a dire la propria, modificandosi nel corso del tempo, ispirando il movimento drone e garantendo all’ascoltatore esperienze di ascolto uniche e diversificate in ogni disco sinora composto. L’ennesima conferma di quanto scritto, come se ne avessimo davvero bisogno, ci arriva da Primitive And Deadly, cronologicamente ultimo lavoro partorito dagli statunitensi, ancora una volta in “combutta” con la Southern Lord Recordings.

Il cambio di sonorità e atmosfere è netto: i viaggi astrali ed eterei dei due capitoli a titolo Angels Of Darkness, Demons Of Light (2011-2012) sono stati sostituiti da una esplorazione sonica che si guarda indietro. Gli statunitensi richiamano a sé la psichedelia lisergica degli anni Settanta, esempio a dir poco stupendo di ciò è l’ammaliante, acido e onirico trip dall’animo blues di “From The Zodiacal Light”, dove fa la sua comparsa in qualità di ospite Rabia Shaheen Qazi dei Rose Windows, e innescano la sensazione che i Black Sabbath siano lì a tenerci compagnia. Eppure si rivelano essere in possesso anche di caratteristiche più ruvide, provenienti dallo Stato di Washington e condensate in “Torn By The Fox Of The Crescent Moon”, che non mi avrebbe sorpreso più di tanto fosse stata firmata da Mr. King Buzzo con i suoi Melvins. Questa sensazione è confermata dall’accoppiata di brani formata da “There Is A Serpent Coming” e “Rooks Across The Gate”, all’interno dei quali il secondo ospite, il cantore oscuro Mark Lanegan, imprime la sua voce. Vi sono poi connotati desertici riconducibili all’operato svolto da signori, quali sono, Mathias Schneeberger e Dave Catching.

Gli Earth hanno realizzato un album che ricorda il passato, ma pensa già al futuro che li attende. Primitive And Deadly è il peregrinare costante di un’anima che non ha ancora deciso quale sia la meta da raggiungere; è uno sciamanico girovagare nell’universo alla scoperta di tutto quello che è in grado di offrire; è un disco che — come sempre accade con le loro uscite — va assaporato con la dovuta calma e che contiene più di quel che un ascolto distratto o un giudizio affrettato potrebbe farvi recepire. Intrattenetevi quindi il tempo dovuto a far sì che questa infinita escursione abbia veramente inizio.

Facebook Comments