EGGS OF GOMORRH – Outpregnate

Gruppo:Eggs Of Gomorrh
Titolo:Outpregnate
Anno:2019
Provenienza:Svizzera
Etichetta:Krucyator Productions
Contatti:Facebook  Bandcamp  Spotify
TRACKLIST

  1. Gnaruris DCCXIV
  2. Deathinjekt
  3. Prophetyphus
  4. Prayeggrh
  5. Outpregnate
  6. Domination Xtasy [cover Arkhon Infaustus]
DURATA:16:38

Lo ammetto, la mia immaginazione fa fatica anche solo a concepire il termine Outpregnate, neologismo che fa da titolo al nuovo EP degli Eggs Of Gomorrh. Evidente il gioco di parole per chi mastica l’inglese: si sta sovvertendo il termine impregnate (mettere incinta), aggiungendogli una connotazione esterna data dalla parola out. Mi è difficile anche solo afferrare il concetto. Cerco di aiutarmi guardando la copertina, ma il soggetto è tutto fuorché rassicurante, e ho l’impressione che ci stia sviando un po’ da cosa significhi in termini pratici il titolo. Inutile dire che quel demone che divora i figli che ha appena partorito è già destabilizzante di per sé, sintomo che tutte le copertine oscene alle quali il metal estremo ci ha esposto negli anni, in fin dei conti, non mi hanno poi desensibilizzato.

Agli Eggs Of Gomorrh, campioni del black-death metal bestiale elvetico, non possiamo certo chiedere una presentazione più adatta per la propria musica. Per quanto possa sembrarci un ossimoro, nella neutrale Svizzera deve circolare un certo interesse per il war metal; giusto qualche mese fa abbiamo trattato i Lykhaeon dalla capitale, tuttavia sono convinto che la cosa non sia poi così sorprendente per gli amanti di questo stile, in quanto essi non avranno certo dimenticato che questo territorio è stato la culla di uno dei maggiori ispiratori del metal estremo (una band di cui presto parleremo, state attenti!).

Dopo un’introduzione, l’EP ci spara addosso cinque schegge impazzite fatte di follia cieca, odio e tormento lasciati senza briglie, elaborati tramite una resa sonora chiara e un livello tecnico non comune per il genere. Urla di demoni che hanno perso il senno emergono dai ritmi vorticosi ad alta velocità che compongo i brani, pronti a risolversi tutti prima dello scoccare del quarto minuto. Alle tracce si aggiunge “Domination Xtasy”, cover proveniente dal debutto degli Arkhon Infaustus messa in chiusura del lavoro, ma l’interpretazione della band è piuttosto affine a quanto abbiamo sentito nel resto della scaletta.

Il risultato è un caos irregolare dalle prospettive deliranti, una squisitezza tossica che certi palati troppo fini potrebbero trovare paragonabile al noise. D’altra parte per l’ascoltatore a cui è diretto Outpregnate ciò dovrebbe contare poco, insieme a qualche idea già sentita, fino addirittura a trovare motivo di giubilo nel fatto che la ricetta sia improntata tutta sulla combinazione fra i maggiori danni possibili alla velocità più estenuante che si riesce a mantenere.

Se siete amanti di questi elementi, potete considerare gli Eggs Of Gomorrh come una prelibatezza disumana. Nel caso decidiate di provare a sporcarvi di sangue con questo lavoro, vi posso solo rimandare al bandcamp della Krucyator Productions, che anche questa volta ha messo l’intero lavoro in digitale al costo di un euro.

Facebook Comments