EGO DEPTHS / DISPERSIVE LIGHT – Follow The Skua

EGO DEPTHS / DISPERSIVE LIGHT – Follow The Skua

 
Gruppo: Ego Depths / Dispersive Light
Titolo:  Follow The Skua
Anno: 2010
Provenienza:   Ucraina
Etichetta: Endless Winter
Contatti:

Sito web  Facebook  Soundcloud  Bandcamp  Myspace  Facebook Sito web  Myspace

 
TRACKLIST

  1. Henceforth I Suffer (Archaic D.)
  2. Let Us Prey For Their Worthless Life (Archaic D.)
  3. Sura Mrod
  4. Baal
  5. Purple Twilights
  6. Incest Autumn Winds
  7. Little Owl 
DURATA: 58:55
 

L'etichetta russa Endless Winter rilascia l'ennesimo lavoro adatto agli amanti delle atmosfere tetre e claustrofobiche: la scelta di accoppiare in soluzione unica le due formazioni ucraine di Ego Depths e Dispersive Light frutta uno split dal titolo "Follow The Skua", contenente sessanta minuti devoti a un trascorrere lento e greve.

Le due tracce iniziali, "Henceforth I Suffer (Archaic D.)" e "Let Us Prey For Their Worthless Life (Archaic D.)", a opera degli Ego Depths ci regalano complessivamente quasi mezz'ora di musica: si slanciano allungate, pesanti, cariche di pathos, mentre il lavoro svolto dalle tastiere nel creare una forte pressione malinconica e quietamente triste fa sì che Stigmatheist — non nuovo alla scena e con alle spalle un album di tutto rispetto come "Equilibrium Sickness" — riesca a confermarsi, esponendo materiale della stessa pasta e capace di tener testa ai rivali nel genere, spesso provenienti dalla stessa zona geografica. Le composizioni sono istintive, stringenti, una morsa dolorosa che si trascina sin dalle note iniziali, avviluppando l'ascoltatore e trascinandolo per vie dove la luce è fioca.

Tocca poi ai Dispersive Light entrare in scena e si cambia totalmente musica: l'ambient-drone proposto è alienante, misantropico, un'ossessione continua fatta da ridondanze forti, un teatro d'orrore che fra sensazioni industrial martellanti e noise riesce a evocare incubi e infondere una schizofrenica voglia di distruzione, che ha una sola reale pausa in cui il ricordo sembra essere dolcemente amaro incastonata nel frangente acustico di "Purple Twilights". Questo rimembrare viene in seguito annientato dalla violenza di "Incest Autumn Winds", rimarcando ancora una volta quanto la musica di questo progetto possa essere lobotomizzante.

"Follow The Skua" si attesta come produzione relegata a un target preciso: gli amanti dei due stili si troveranno di fronte un disco che potrà viaggiare attraverso lande sinistre sia col funeral doom degli Ego Depths sia con la musica dei Dispersive Ligth. Se è ciò che ascoltate abitualmente, non perdete l'occasione di approcciarlo e chissà che non vi scatti la voglia d'acquisto.

Facebook Comments