EIBON LA FURIES – Yours Truly… …From Hell

Informazioni
Gruppo: Eibon La Furies
Anno: 2007
Etichetta: Ministry For Infernal Affairs
Autore: Sharrukenu

Tracklist
1. Yours Truly…
2. …and By the Moonlight [nuova versione – Dear Boss]
3. The Devil Is An Englishman
4. A Shadow Over London (Part 1)
5. I Am Whitechapel
6. The Ripper [cover Judas Priest]
7. A Shadow Over London (Part 2)
8. …From Hell

DURATA : 27:39

E’ stata una piacevole sorpresa trovarsi davanti questo originale gruppo inglese che con "Yours Truly… …From Hell" si guadagna meritati consensi. Capitanati da Lord Eibon Blackwood (voce, chitarra, basso, tastiere e cello) e accompagnato alle vocals dalla moglie Lady Titania Blackwood, con questo EP il gruppo dipinge la Londra del XIX secolo, più precisamente inquadrando il 1888, e la Whitechapel degradata dell’epoca, fertile teatro per le distillerie illegali e la prostituzione, che incrementò la sua cattiva fama grazie ad un tetro personaggio di cui ancora oggi non si conosce la vera identità: Jack the Reaper, Jack lo squartatore.
Withechapel era ed è l'East End londinese, "l'altra parte di Londra", periferia, sobborgo povero e degradato che nell’anno fatidico contava 1200 prostitute, di cui 5 ufficialmente riconosciute come vittime di Jack the Reaper, ed è questo il quadro che gli Eibon La Furies hanno dipinto su musica.
Il tetro messaggio di "Yours Truly… …From Hell", è sottolineato da una componente musicale che per la maggiore si mantiene su suoni antimelodici, respingendo volutamente la melodia. Chi pensa di trovarsi fra le mani un album black, ha un pensiero errato. La musica è si estrema, cantata in streaming, ma scorre per conto proprio, sfociando delle volte in tempi industrial, e puntando soprattutto su parti strumentali (entrambe le parti di "A Shadow Over London), risultando addirittura le più malvagie, bramose di un nuovo delitto.
I coniugi duettano come fossero i protagonisti di un’opera teatrale ( credetemi, con uno scenario adatto queste canzoni potrebbero trasformarsi in un atto teatrale ), lui usando uno scream versatile che ben sa adeguare a tutte le parti, lei intervenendo per i cori e le parti narrate. Tra sfrigolii di coltelli e chitarre ben affilate, a distanza di più d’un secolo, il famoso squatatore di prostitute riprende ancora una volta vita, non volendone sapere di non essere attuale.

Facebook Comments