ELIXIR OF DISTRESS – Kontynent

 
Gruppo: Elixir Of Distress
Titolo: Kontynent
Anno: 2018
Provenienza: Polonia
Etichetta: Winterheart Music
Contatti:

Sito web

 
TRACKLIST

  1. Kontynent
  2. Kołyma
  3. Katorga
  4. Workuta
  5. Magadan
DURATA: 49:50
 

Una certa coltre di mistero gravita attorno agli Elixir Of Distress. Già dalla foto messa in copertina, ci viene dato un indizio che sarà poi confermato dai nomi dei brani: "Kontynent" parla dei campi di concentramento sovietici, i famigerati gulag. Poche altre sono le informazioni che si possono trovare sulla band polacca in rete, ma è essa stessa a porre rimedio a tale carenza: da una lettera scritta a mano allegata alla mia copia promozionale, scopriamo che ha cominciato le registrazioni di "Kontynent" nel 2013 per concluderle nel 2015. In quel frangente di tempo parte della formazione ha abbandonato il progetto prima della pubblicazione dell'album, rilasciato solo quest'anno; non ci è dato sapere per quale motivo. Veniamo inoltre avvisati che i musicisti sono ancora attivi, ma che non intendono divulgare i propri nomi.

Immagino chiunque stia tenendo gli Elixir Of Distress in piedi preferisca lasciare che sia la musica a parlare. Di conseguenza meglio assecondarlo: ciò che esce fuori dal nostro lettore CD appena premuto il tasto «play» è puro metallo nero, una tempesta sferzante di gelido dolore che ci scaraventa nel buio. Le atmosfere sono pietrificanti da quanto risultano glaciali; la tensione è palpabile a partire dalle urla fino agli arpeggi e al continuo sviluppo melodico dei riff, esplodendo in un tripudio di disperazione senza fondo. I brani sono lunghi e pieni di sviluppi interessanti, scritti con attenzione alla composizioni; la furia black metal di rado viene interrotta da qualche stacco acustico per poi riprendere all'improvviso ("Workuta"), altre volte invece l'andamento si fa cadenzato, lasciando spazio a momenti di più ampio respiro (gli ultimi minuti di "Katorga"). La band cita tra le sue influenze Lunar Aurora, Xasthur, Blut Aus Nord e Burzum (gruppi da cui in effetti sembra trarre spunto); a questi mi sento di aggiungere i loro conterranei Mgła.

"Kontynent" è un lavoro a cui fare attenzione, che ci mostra uno spettro musicale ricco di dettagli, pur rimanendo nel contesto del suo genere di provenienza. Ciò che mi preme è che non passi inosservato agli ascoltatori.

Facebook Comments