EMBRIONAL / EMPHERIS – The Spectrum Of Metal Madness

 
Gruppo: Embrional / Empheris
Titolo:  The Spectrum Of Metal Madness
Anno: 2009
Provenienza:  Polonia
Etichetta: Old Temple
Contatti:

Facebook  Youtube

 
TRACKLIST

  1. Embrional – Homicide
  2. Embrional – The Abyss Of Human Soul
  3. Embrional – Buried By Time And Dust [cover Mayhem]
  4. Embrional – Rotting [cover Sarcófago]
  5. Embrional – Land Of Tears [cover Pestilence]
  6. Embrional – Death & Destruction
  7. Empheris – Lovecraft
  8. Empheris – Black Pyramid
  9. Empheris – Assassin [cover Assassin]
  10. Empheris – I Don't Believe In Miracles [cover The Ramones]
  11. Empheris – Atomic Nuclear Desolation [cover Blasphemy]
  12. Empheris – Slowly We Rot [cover Obituary]
DURATA: 45:33
 

Gli split molte volte si rivelano poco utili, altre celano delle chicche che non si sa per quale strano motivo non vengano inserite negli album; solitamente ti danno la possibilità di ascoltare più band in una botta sola, portandoti conseguentemente ad approfondire o meno il discorso con esse. Spesso possono essere quindi un'arma a doppio taglio.

"The Spectrum Of Metal Madness" nel 2009 unì due formazioni polacche: gli Embrional e gli Empheris. Il risultato furono quarantacinque minuti scanditi a suon di metal estremo che prendeva spunto dalla sezione death più marcia e blasfema rappresentata più che degnamente dagli Embrional dei brani inediti "Homicide" e "The Abyss Of Human Soul", con la prima probabilmente un po' corta da sembrare quasi troncata e che avrebbe potuto godere di una durata lievemente più estesa per esplodere in totale cattiveria. Nella sezione tendente al melodico black-thrash invece sono gli Empheris ad assumere il controllo della situazione, presentando "Lovecraft" e "Black Pyramid", con la seconda più efficace soprattutto grazie a un riffing portante di stampo heavy che rimane facilmente in testa.

Andando oltre, quello che riceverete da "The Spectrum Of Metal Madness" è la sagra della cover. Da un lato abbiamo le scelte integraliste e maligne degli Embrional che mettono in campo un terzetto composto da Mayhem, Sarcófago e "Pestilence", riuscendo a tirar fuori delle buone prove dall'esecuzione di "Buried By Time And Dust" e "Rotting". Fanno leggermente cilecca invece con "Land Of Tears", suonata non male, ma totalmente priva dell'atmosfera che la contraddistingue da sempre, e concludendo il loro spazio con "Death & Destruction", simpatico collage di riff metal d'eccellenza nel quale tributano omaggio a Slayer, Possessed, Deicide e Morbid Angel.

Dall'altro lato gli Empheris propongono un misto che prende spunto dallo speed degli Assassin e dal punk dei Ramones, per poi spingersi in territori più affini al mondo nero con i Blasphemy e gli Obituary. In questo caso sono le interpretazioni meno consone a risultare più convincenti, sia "Assassin" che "I Don't Believe In Miracles" sono spontanee ed energiche, no comment per i ventisei secondi di schitarrate di "Atomic Nuclear Desecration". Delude invece "Slowely We Rot": anche se discretamente eseguita, risulta stranamente poco emozionante, e parlare così di questo pezzo fa un certo effetto.

Come avrete di certo compreso, "The Spectrum Of Metal Madness" non è un acquisto definibile essenziale, può essere un piacevole diversivo, se vi capitasse fra le mani a un prezzo stracciato. Consiglio piuttosto di approfondire le discografie delle due band partecipanti, lì sicuramente troverete materiale più interessante e duraturo all'interno del circuito d'ascolto.

 

 

Facebook Comments