EMPHERIS / CRYPTIC RITES – Netherworld Emissions

 
Gruppo: Empheris / Cryptic Rites
Titolo:  Netherworld Emissions
Anno: 2011
Provenienza:  Polonia
Etichetta: Wydawnictwo Muzyczne Psycho
Contatti:

Empheris  Facebook

Cryptic Rites   Facebook

 
TRACKLIST

  1. Empheris – Contamination Rites
  2. Empheris – Necromongerdom
  3. Empheris – Corpsegrinder [cover Death]
  4. Empheris – Blood Wraith
  5. Empheris – Hans Siste Vinter [cover Darkthrone]
  6. Cryptic Rites – Contamination Rites
  7. Cryptic Rites – Thrashed By Death
  8. Cryptic Rites – Nightmare
  9. Cryptic Rites – Hellish Mockery
  10. Cryptic Rites – Remember The Fallen [cover Sodom]
DURATA: 29:36
 

Bando alle discussioni di mercato, questo split tra Empheris e Cryptic Rites è uno di quei pezzi kvlt: gruppi sconosciuti, etichetta underground, pochi pezzi, magari qualche cover altisonante, sicuramente una furia fuori dal comune. Basterebbe questa prima frase per descrivere in tutto e per tutto "Netherworld Emissions", ma andiamo con ordine.

Empheris e Cryptic Rites, per coloro che non li conoscessero (e credo siano molti), sono due band di Varsavia: i secondi in vita dal 2004 con all'attivo una manciata di produzioni minori, mentre i primi possono dirsi a buon titolo veterani della scena, risalendo le loro origini (prima di uno stop di qualche anno) fino all'ormai lontano 1995, ed avendo nell'ultimo lustro o poco più letteralmente invaso la scena con lavori a loro nome. Il genere, manco a dirlo, è quel di tutto un po' che non può essere seriamente né compiutamente definito, a meno di non scadere in una di quelle orribili e insensate nomenclature quali «blackened thrash-death metal», che è un po' come dire che se non è zuppa è pan bagnato.

Sta di fatto che in questa mezzora di incisione — risalente per entrambi i gruppi alla fine del 2009, ma rilasciata soltanto nell'estate di questo 2011 — il fan dei primi Sodom, Venom, Celtic Frost e compagnia cantante, ma anche di nomi (vagamente) più contemporanei come Impiety o Nunslaughter troverà pane per i propri denti, o borchie per il suo chiodo. Più lavorato e professionale, mi si passi il termine, il suono degli Empheris, più grezzo e brutale, grazie anche all'utilizzo di un growl gutturalissimo, quello dei Cryptic Rites. Entrambe le formazioni, dopo un'apertura in comune rielaborata da ciascuno a modo proprio ("Contamination Rites"), pagano comunque pegno ai big, appartengano essi a una scena o a un'altra: Death e Darkthrone per i veterani Empheris, Sodom per i Cryptic Rites. 

Dare un giudizio su un prodotto del genere è quantomai complicato, se non del tutto inutile: difficilmente si sentirà mai la mancanza di questo disco sulla mensola, difficilmente se ne rimpiangerà un eventuale recupero. Certamente sono i nomi giusti cui rivolgersi quando siamo in cerca di violenza e velocità.

Facebook Comments