ENDARKEN – Tvoj Je Hram U Srcu Mom

 
Gruppo: Endarken
Titolo: Tvoj Je Hram U Srcu Mom
Anno: 2018
Provenienza: Serbia
Etichetta: Blackest Ink Recordings
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Šta Vrede Oči Kada Um Je Slep
  2. Tvoj Je Hram U Srcu Mom
  3. Alfa I Omega
  4. Oda Njemu
  5. The Old Ones Awakening
  6. Ja, Sve I Svja
DURATA: 35:58
 

Gli Endarken sono un duo black metal serbo composto dal chitarrista, bassista, cantante e compositore Nekrst e dal batterista N.P.V. Sono originari di Apatin, città della provincia autonoma della Voivodina, al confine nord-occidentale con la Croazia. "Tvoj Je Hram U Srcu Mom" è il loro debutto, rilasciato ad aprile da Blackest Ink Recordings, tuttavia entrambi i membri vantano già esperienze pluriennali in altri progetti.

Il black metal proposto muove i passi dalla tradizione nordica, ma con un approccio adeguato ai tempi moderni. Gli Endarken mantengono l'intransigenza e la coesione tipiche del genere in pezzi compatti e diretti, senza però rinunciare a suoni definiti, un paio di assoli, qualche melodia e alcune divagazioni. "Alfa I Omega" per esempio ha influssi in stile post-black metal, mentre l'atmosfera della conclusiva "Ja, Sve I Svja" si tinge di ellenico (chi ha detto Rotting Christ?).

"Tvoj Je Hram U Srcu Mom" è un album compresso, nel quale la tensione si accumula istante dopo istante, senza mai esplodere pienamente, generando una malsana sensazione di attesa e disagio; una amplificazione del concetto è evidente nella velenosa "Oda Njemu". Al contempo il duo rinuncia a inutili preamboli, preferendo diversi incipit dei brani direttamente in medias res.

Sul fronte concettuale, soltanto "The Old Ones Awakening" aiuta a inquadrare i testi, essendo l'unica composizione cantata in inglese, mentre le altre sono in serbo. Si tratta di una invocazione al Maligno, che si accompagna ad alcune simbologie occulte presenti nel libretto, realizzato in bianco e nero e abbastanza minimale.

In conclusione, "Tvoj Je Hram U Srcu Mom" è un'uscita onesta, coerente ed equilibrata (volumi e ritmiche compresi), priva però di picchi in grado di renderla memorabile. Il rischio è che gli Endarken vengano dimenticati molto presto, nonostante le più che buone capacità.

Facebook Comments