ENDSTILLE – Frühlingserwachen

 
Gruppo: Endstille
Titolo:  Frühlingserwachen
Anno: 2003
Provenienza:  Germania
Etichetta: Twilight Vertrieb
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter

 
TRACKLIST

  1. Frühlingserwachen
  2. Ripping Angelflesh
  3. With The Fog They Come
  4. Defloration
  5. 1914
  6. Biblist Burner
  7. World Free Of Christ
DURATA: 34:45
 

"Frühlingserwachen" è sicuramente l’album meno monotematico dei black metallers Endstille, solida band della scena tedesca dal piglio compositivo piuttosto sviluppato, considerato che col nuovo disco "Verführer" in uscita l’otto maggio raggiungeranno il traguardo del sesto disco in nove anni di carriera.

In occasione del proprio secondo lavoro gli Endstille diversificano la propria proposta incentrata su di un war black metal sempre piuttosto tirato, andando ad inserire brani cadenzati come "Ripping Angelflesh" e addirittura in "Defloration" un riff portante dall’umore malinconico volto a sottolineare gli aspetti più drammatici dei conflitti bellici, argomento portante di tutti i dischi insieme all’anticristianesimo, ben evidenziato da titoli quali "Biblist Burner" o "World Free Of Christ".

Non mancano poi certamente gli assalti più diretti, veri e propri fendenti sulla faccia dell’ascoltatore carichi di odio e devastazione con Mayhemic Destructor a pestare la batteria come un ossesso e Lars Wachtfels a sobbarcarsi l’intero compito di costruire riff, dalla struttura spesso circolare e ripetitiva ma sempre venati da una leggera dose di inquietudine e rassegnazione.

È come se gli Endstille oltre a dedicarsi al massacro perpetrato dagli eserciti nei combattimenti volessero evidenziare anche lo spaesamento dei soldati, protagonisti spesso loro malgrado di abomini e lutti. Le immagini che più spesso mi giungono alla mente sono due: una colonna di soldati in marcia forzata verso il prossimo obiettivo ed un milite nella trincea che terminato un bombardamento aereo nemico si ritrova, sconvolto, circondato solo dai cadaveri dei propri commilitoni.

A chiudere il disco come di consueto è un brano intitolato "Endstille", questa volta senza nessun sottotitolo, in cui il gruppo si distacca parzialmente da quanto solitamente proposto offrendo un pezzo più melodico e dalla durata maggiore.

"Frühlingserwachen" è quindi un album che si richiama al filone war ma che si distacca dagli stilemi più classici in maniera evidente, gli Enstille pur mostrando a tratti una monoliticità quasi esagerata vanno riconosciuti come portatori di uno stile personale e distinguibile indipendentemente dai gusti personali. Personalmente pollice alto.

 

Facebook Comments