ENTRENCH – Through The Walls Of Flesh

 
Gruppo: Entrench
Titolo: Through The Walls Of Flesh
Anno: 2017
Provenienza: Svezia
Etichetta: I Hate Records
Contatti:

Facebook  Youtube  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. The Coming Storm / Dawn Of War
  2. Enter The Fray
  3. Iron Coffin
  4. Dead End
  5. The Warmonger Sacrament
  6. White Light Precedes Black Rain
  7. Fragments / Shadow Of Death
DURATA: 37:29
 

Me ne sono perso uno per strada! Dopo aver goduto, e non poco, con quella mazzata thrash metal priva di compromessi dal titolo "Inevitable Decay", mi ritrovo fra le mani l'ultimo parto degli Entrench, "Through The Walls Of Flesh". Fra la pubblicazione dell'uno e dell'altro, nel 2014 venne però dato alle stampe il secondo atto "Violent Procreation", per War Anthem Records.

Questo terzo disco mi proporrà qualcosa di diverso? Avere mancato l'ascolto del capitolo precedente mi ha forse fatto perdere la possibilità di venire a contatto con modifiche del suono? A quanto sembra no. Una volta inserito il cd nello stereo e premuto il tasto «play», mi è stata scagliata contro una prestazione ortodossa, ruvida e selvaggia, che fa ancora una volta del verbo degli anni Ottanta e dei primissimi anni Novanta il proprio unico credo.

Gli Entrench sono feroci e azzannano l'ascoltatore alla gola, puntando su pezzi furiosamente scanditi da up-tempo; al contempo sono abili tuttavia nell'allentare la presa quando serve, ammorbando l'atmosfera. I brani sono scevri da qualsiasi artefatto e su di essi il cantato sgraziato e urlato del cantante e chitarrista Fredrik Pellbrink si sposa alla perfezione. La produzione è robusta e di stampo classico, esente da particolari laccature e lucidature, ideale per imprimere un'esaltante sensazione di arroganza e cattiveria, sia in episodi dalla durata maggiormente estesa come l'apripista "The Coming Storm / Dawn Of War" e la conclusiva "Fragments / Shadow Of Death", sia in quelli dal minutaggio più contenuto come "Dead End" e "The Warmonger Sacrament".

Non ho idea di quanti oggi conoscano gli Scandinavi, ma spero vivamente che "Through The Walls Of Flesh" e il tour che li vedrà in giro da settembre insieme ai randellatori cileni Ripper diano loro un numero crescente di riscontri positivi. Potete andare a colpo sicuro con gli Entrench: la loro immane passione per il violento thrash metal d'antan e la capacità di dare vita ad album del genere è una combinazione solida, rodata e di sicuro gradimento per chiunque non ne abbia mai abbastanza di ascoltare e acquistare simili bastonate.

Facebook Comments