ESOTERIC – Esoteric Emotions – The Death Of Ignorance

 
Gruppo: Esoteric
Titolo: Esoteric Emotions – The Death Of Ignorance
Anno: 1993
Ristampa: 2017
Provenienza: Regno Unito
Etichetta: Aesthetic Death
Contatti:

Sito web  Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Esoteric
  2. In Solitude
  3. Enslavers Of The Insecure
  4. Scarred
  5. Eyes Of Darkness
  6. Infanticidal Fantasies
  7. Expectations Of Love
  8. The Laughter Of The Ignorant
DURATA: 78:05
 

Aesthetic Death continua imperterrita nel riproporre il materiale degli Esoteric, e ancora una volta noi siamo qui per raccontarvi quanto questa attività sia fondamentale. Non è che alla quinta recensione di un lavoro di Greg Chandler e Gordon Bicknell noi ancora si debba davvero spiegare quanto, come e perché la band di Birmingham sia semplicemente fondamentale nell'economia di qualsiasi metallaro che si rispetti, e più in grande di qualsiasi persona mala e disagiata che ardisca definirsi tale, ma intellettuali più fini di noi dicevano che repetita iuvant, quindi raccolgo il testimone di Mourning, che ha trattato le più recenti ristampe, e cerco di scriverlo il più chiaramente possibile: dovete ascoltare gli Esoteric.

"Esoteric Emotions – The Death Of Ignorance", nello specifico, è il momento in cui tutto è cominciato. Già nel 1993 gli allora ragazzi di Birmingham, all'epoca appena ventenni, avevano le idee ben chiare su cosa volessero esprimere attraverso la propria inquietante creatura: il male. In un rapido confronto tra "Esoteric Emotions" e "Paragon Of Dissonance" è evidente come la materia degli Esoteric non sia affatto cambiata, si sia soltanto rifinita. Ingrossata. Ispessita. C'erano già pezzi da sedici minuti, già riff mastodontici, già tempi dilatatissimi, già una malvagità e un nichilismo di prima scelta, il tutto condito da misantropia. Basta leggere il testo di "Expectations Of Love" per capire che Chandler non se la passava bene già nel '92; leggere, ovviamente, perché è assolutamente impensabile credere di capire qualcosa tra un urlo e un verso gutturale e un riff pachidermico.

«How can I love others when I can't love myself?
The pain I've felt has destroyed the love in me
My frustration increases into a silent scream
Where is the relief? When can I be free?
I have tried to love but it can never be
Hate is all I can ever feel
»

In questo lento, lentissimo vortice psichedelico gli Esoteric governano la propria nave ormai da venticinque anni esatti, non essendo invecchiati di un giorno, come cristallizzati nella loro spirale di sofferenza. E anche noi, come loro, rimaniamo intrappolati ogni volta.

Facebook Comments