EXTREMITY – Coffin Birth

 
Gruppo: Extremity
Titolo: Coffin Birth
Anno: 2018
Provenienza: U.S.A.
Etichetta: 20 Buck Spin
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. Coffin Birth / A Million Witches
  2. Where Evil Dwells
  3. Grave Mistake
  4. Umbilicus
  5. For Want Of A Nail
  6. Occision
  7. Like Father Like Son
  8. Misbegotten / Coffin Death
DURATA: 40:06
 

Gli Extremity sono una formazione composta da musicisti esperti quali Shelby Lermo (chitarra, voce, basso, piano e organo), Marissa Martinez-Hoadley (chitarra e voce) e Aesop Dekker (batteria), che si ripresenta con l'album di debutto "Coffin Birth" a distanza di un anno dal mini "Extremely Fucking Dead".

Le idee del trio sono chiare, la proposta è radicata nel mondo death metal che ha partorito i capolavori tra la fine degli anni Ottanta e i primissimi anni Novanta, le influenze sono distinguili e collocabili sia in zona statunitense che europea. Il risultato è così composto da voci rozze e cimiteriali, ritmiche incalzanti, rallentamenti sepolcrali, un tocco horror piazzato al momento giusto e tanto putridume.

"Coffin Birth" è stato rilasciato nel 2018, ma puzza innegabilmente di vecchio e va benissimo così. È il lavoro di artisti che evidentemente adorano e conoscono approfonditamente la scena, che nei suoi quaranta minuti di durata riesce a trasmettere sensazioni mortifere genuine, specialmente attraverso un trio di brani azzeccatissimo formato da "Where Evil Dwells", "Grave Mistake" e "Umbilicus".

In pratica, siamo di fronte al più classico degli esempi di come il death metal old school andrebbe composto, eseguito e prodotto, non inventando assolutamente nulla ma evitando di risultare una delle tante tribute band al momento in circolazione. Gli Extremity sono consigliati agli appassionati di tali sonorità.

Facebook Comments