FAKE HEROES – Divide And Rule

 
Gruppo: Fake Heroes
Titolo:  Divide And Rule
Anno: 2013
Provenienza:  Italia
Etichetta: Antstreet Records
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter  Soundcloud  Youtube  Bandcamp  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. Jiddu
  2. FH
  3. Anthill
  4. Beyond This Glass
  5. Between Sounds And Noises
  6. Stealing
  7. Wise Man
  8. Don't Believe Them
  9. Reflection
  10. Sense Of Gratitude
  11. Need Of Light
DURATA: 43:03
 

Basta poco per dar vita a un grande album, basta pochissimo per rimanere bloccati nel purgatorio della mediocrità; è un passo breve quello che conduce da un lato o dall'altro di tale linea di demarcazione qualitativa e al giorno d'oggi le due sponde vantano un numero di frequentatori altamente elevato e interscambiabile. Ciò che voglio dire è che molte volte, soprattutto quando si parla di prime prove, giocarsela sul cosiddetto sicuro può divenire più rischioso di quanto si immagini. Questo è il caso dei Fake Heroes di "Divide And Rule" ("Divide Et Impera" inglesizzato).

Il quintetto pescarese ha confezionato un debutto piacevole e decisamente ben composto. Tutto sembra girare a dovere, partendo dalla scelta dell'impostazione melodica per i brani e passando per le brevi, ma interessanti, divagazioni ipnotiche che di tanto in tanto si percepiscono. È un binomio rock-metal che convive in maniera gradevole e mai eccessiva, tuttavia palesemente schiavo di nature compositive ben più note (Alter Bridge, Alice In Chains e Tool fra i tanti) che lo incatenano limandone i valori. Il peso esagerato della derivazione è purtroppo da tenere in considerazione.

Non posso affermare che l'album sia brutto, né che non si lasci ascoltare; è però chiaro quanto, pur avendo apprezzato brani come "Anthill", "Beyond This Glass", "Stealing", "Wise Man" e "Need Of Light, la proposta francamente fruibilissima e di buona compagnia non riesca in alcun modo a staccarsi dalla mediocrità prima chiamata in causa. A dire il vero, la forma curata sotto ogni aspetto aiuta, seppure non permetta comunque a "Divide And Rule" di prendere il volo all'interno di un mercato discografico sempre più colmo d'uscite altrettanto valide.

"Divide And Rule" si guadagna una sufficienza e pone le basi su cui poter lavorare per migliorare, ampliare e, mi auguro, provare a mettere un po' di sostanza propria in un secondo album che potrebbe, in un prossimo futuro non lontano, consegnarci i Fake Heroes in grado di dire la loro a tutti gli effetti. Li si attende al varco.

Facebook Comments