FALL OF THE IDOLS – Solemn Verses

FALL OF THE IDOLS – Solemn Verses

Informazioni
Gruppo: Fall Of The Idols
Titolo: Solemn Verses
Anno: 2012
Provenienza: Finlandia
Etichetta: I Hate Records
Contatti: facebook.com/pages/Fall-of-the-Idols/108014039280383
Autore: Mourning

Tracklist
1. The One That Awaits
2. Descant Deific Psalms
3. Genius Loqi
4. Hymn
5. Cycle Of The Fallen
6. The New Crusade

DURATA: 55:43

I finnici Fall Of The Idols, a distanza di quattro anni dall’ultima uscita full intitolata “The Séance”, danno alle stampe il terzo capitolo della loro discografia, l’atto che attesta a tutti gli effetti che il gruppo è di quelli da inserire all’interno del circolo dei “grandi”.
Per quanto infatti non siano conosciutissimi rispetto a molti loro colleghi, i nomi li lascio fare a voi tanto conoscendo la scena avrete inteso quali tirare in ballo, si tratta di un sestetto affidabile, che è maturato e si è affinato negli anni, tanto da garantire il riconoscimento del proprio marchio durante l’ascolto.
I ragazzi di Tornio possiedono uno stile che si è definito, oltrepassando con continuità un limite dietro l’altro e lasciando alle spalle anche momenti decisamente tristi. Difatti purtroppo durante la lavorazione del disco è venuto a mancare a soli ventotto anni il batterista Hannu Weckmann, musicista che ha contribuito alla riuscita dei pezzi anche in veste di chitarrista acustico nella terza traccia e di solista nei primi due episodi della tracklist. È stato quindi anche una sorta di “obbligo morale” nei confronti dell’amico perduto e dell’arte che amano a guidare la band verso la realizzazione di quello che a oggi è il loro miglior lavoro: “Solemn Verses”.
L’esperienza vissuta in compagnia di questo album è particolare, per quanto sia possibile riscontrare le influenze classiche di gente come i Cathedral, apprezzare derive al limite col funereo melodico degli Shape Of Despair (non scivolando mai totalmente in tale genere), per quanto a ogni passaggio sembra vi sia un nome nuovo che si offre come riferimento certo e vario al quale appigliarsi — Type O Negative, Paradise Lost, Celtic Frost e Down tanto per fare un paio di esempi — il sound dei Fall Of The Idols è personale e al tempo stesso gode di un’esposizione strana.
Dal punto di vista dell’aspetto musicale, parlo dell’andazzo settantiano di “The One Awaits”, delle scaglie di psichedelia che infieriscono piacevolmente in “Genius Loqi” e “Hymn”, dell’ossessività ciclica che contamina l’essenza di “Descant Deific Psalms”, dell’atmosfera lugubre e dolorosa della quale si fa carico “Cycle Of The Fallen” e dell’aura rabbiosa che pervade alcune sezioni della conclusiva “The New Crusade”.
Per quanto riguarda la gamma di sentimenti che è capace di evocare, non si tratta soltanto di tristezza, malinconia e senso di abbandono e decadenza ma anche transizioni di emotive che passano dal cullare all’arrabbiatura. “Solemn Verses” più che accartocciarsi su se stesso o espandersi infinitamente, opzioni entrambe valide, gradite e note a chiunque segua il panorama doom, viaggia su dimensioni vicine, talmente vicine da sfiorarsi e divenire talvolta comunicanti, scansando però il pericolo dell’intromissione dell’una nell’altra, una sorta di portale doppio con la parte dell’io profonda e inesplorata.
Sono da sottolineare le melodie impresse e la superba prestazione del cantante Jyrki Hakomäki, a parer mio uno fra i migliori della scena, le sue esecuzioni in pulito sono letteralmente affascinanti, quella racchiusa in “Hymn” è a dir poco superlativa, e le poche volte che utilizza linee più aggressive ringhiando non è mai fuori posto.
Non è raro che io rimanga incantato da dischi del genere, non è altrettanto raro che il panorama doom regali delle perle, continuerò a ripeterlo all’infinito che odiernamente è al di sopra di tutto il restante mondo metal per qualità della proposta, stavolta però voglio sbilanciarmi e usare la parola che inizia per “C”. “Solemn Verses” è un piccolo e prezioso capolavoro e non per ciò che inventa, perché in fin dei conti non inventa nulla, quanto per il modo in cui i Fall Of The Idols utilizzano le doti in loro possesso: possiedono un songwriting spettacolare, hanno un uomo dietro al microfono che molti invidierebbero e durante l’ascolto si entra in contatto con ogni singola sensazione che i musicisti finnici hanno riversato nei capitoli di questo album spettacolare.
In presenza del fiume Lete deciderete ordunque di bere le sue acque dimenticando il passato o ne farete a meno lasciando che vi sia di supporto per la vita futura? Traete le vostre conclusioni dopo aver approfondito i testi di “Solemn Verses”, per farlo ovviamente vi consiglio caldamente di entrare in possesso della copia originale, quale altra maniera si potrebbe ritenere corretta se non questa? Da avere!

Facebook Comments