FARFLUNG – Unwound Celluloid Frown

 
Gruppo: Farflung
Titolo: Unwound Celluloid Frown
Anno: 2017
Provenienza: U.S.A.
Etichetta: Heavy Psych Sounds
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. You Will Kill For Me
  2. We Wish For Wounds
  3. Unwound Celluloid Frown
  4. Axis Mundi – Silver Ghosts
  5. With Crystal Spoons
DURATA: 34:33
 

I Farflung o si amano o si odiano. Il trio statunitense non ci sa fare con le mezze misure. L'ultimo parto, l'EP "Unwound Celluloid Frown", è l'ennesima conferma di quanto adori vagare in un'area musicale ampia, che racchiude in sé quarant'anni e più di sonorità psichedeliche e ambientali.

Inutile girarci troppo attorno: inserito il disco nel lettore, è possibile incrociare la classe e lo spirito appartenente a grandi esploratori dello space rock e veri e propri artisti della psichedelia, quali Hawkwind, Can, Gong e Amon Duul, mischiati a un pizzico di primissimi Queens Of The Stone Age e The Stooges.

L'ispirazione tratta da chi nel corso delle decadi ha formulato composizioni varie, espanse e uniche a livello ambientale, ha giocato un ruolo fondamentale nella definizione spirituale della band, la quale però non si è limitata a essere una semplice figura devota. L'imperterrito vagare e la capacità di ibridare in corsa i brani sono punti di forza dei Farflung, che hanno dato più volte prova di saperli utilizzare in maniera genuina e personale negli ultimi venticinque anni.

Potremmo dividere in lavoro in questione in due parti: nella prima ("You Will Kill For Me", "We Wish For Wounds" e "Unwound Celluloid Frown") si espone in maniera accattivante, minimalista, ma contraddistinta da una pulsione più energica, mentre nella seconda ("Axis Mundi – Silver Ghosts" e "With Crystal Spoons") preferisce immergersi con semplicità disarmante nella rilassatezza cosmica, diversificando il tasso atmosferico e venandosi di malinconia eterea.

I Farflung continuano a dare vita a produzioni adatte ad appagare e a pacificare l'animo dei turisti spaziali anche con "Unwound Celluloid Frown". Il fatto poi che queste vengano nuovamente supportate da un'etichetta nostrana, la Heavy Psych Sounds, non può che essere fonte di ulteriore piacere. Fate buon viaggio in loro compagnia!

 

Facebook Comments