GOBLIN KING – Blood, Drugs & Death N’ Roll

 
Gruppo: Goblin King
Titolo: Blood, Drugs & Death N' Roll
Anno: 2017
Provenienza: Regno Unito
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Facebook  Soundcloud  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Blood, Drugs & Death N' Roll
  2. Goblin King
  3. 667
  4. Eye Of The Storm
  5. Death Sti-XXX
DURATA: 16:52
 

Non è la prima volta che ci imbattiamo in un progetto rock-metal così smaccatamente rude e diretto proveniente dal Regno Unito, come era avvenuto qualche mese fa con i Widows (sebbene in coordinate musicali leggermente diverse). I Goblin King, dal canto loro, sono un quartetto formatosi proprio quest'anno e che, senza perdere tempo, ha già dato alle stampe questo EP d'esordio (che esce ufficialmente il 10 agosto): "Blood, Drugs & Death N' Roll".

Come esplicitato dal titolo, c'è qualcosa degli Entombed seconda maniera, qualcosa dei Motörhead, ma soprattutto c'è molto poco ritegno. L'estetica punk della copertina (con tanto di titolo abbreviato) si mescola con il background un po' death e un po' thrash metal della band, che si inserisce senza troppe storie nel solco di quelli che in genere chiamo «dischi da road trip». Questo approccio viene fuori in maniera molto evidente nella breve e aggressiva titletrack che apre le danze.

Abbiamo qui cinque brani molto diretti e ignoranti — d'altronde il quartetto si definisce «Dark. Virulent. Psychotic» sulla propria pagina Bandcamp — con perle concettuali come "667" e "Death Sti-XXX". Tuttavia, non mancano qua e là alcune sezioni relativamente inattese, come il piccolo rallentamento nella stessa "667" che definirei atmosferico, se non mi venisse da ridere nel farlo. Si continua sui binari del cazzeggio da bar anche nella veloce "Eye Of The Storm" (anche questa a volte abbreviata come "E.O.T.S.").

I Goblin King esordiscono distribuendo mazzate, con un EP che potrà accompagnarvi in macchina sulla strada verso qualche serata con amici, magari in attesa di un prossimo lavoro più lungo per i fan dello stile. Per il resto, la durata molto contenuta e la sfacciataggine del gruppo non permettono grandissime analisi dal punto di vista tematico. Da schiaffi, nel bene e nel male.

Facebook Comments