GORGUTS – Obscura

 
Gruppo: Gorguts
Titolo: Obscura
Anno: 1998
Provenienza: Canada
Etichetta: Olympic Recordings
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter  Youtube  Reverbnation  Last.fm

 
TRACKLIST

  1. Obscura
  2. Earthly Love
  3. The Carnal State
  4. Nostalgia
  5. The Art Of Sombre Ecstasy
  6. Clouded
  7. Subtle Body
  8. Rapturous Grief
  9. La Vie Est Prelude… (La Mort, Orgasme)
  10. Illuminatus
  11. Faceless Ones
  12. Sweet Silence
DURATA: 01:00:30
 

Definire i Gorguts come uno dei gruppi più sottovalutati del death metal (o dell'heavy metal in generale) mi sembra una cosa scontata. La creatura partorita da Luc Lemay è infatti un essere che in "Obscura" raggiunge praticamente la perfezione: tecnica, brutalità e sperimentazione fanno di questo cd un viaggio unico e inimitabile. Nessuno fino a ora è riuscito — non dico a superare — nemmeno ad avvicinarsi a tanta pazzia messa in musica, roba che ha ispirato sicuramente gruppi come gli Azure Emote.

Ascoltare questo cd non è cosa semplice. Più che un semplice ascolto è una prova fisica, che per la sua durata complessiva di un'ora abbondante lascerà i più resistenti allo stremo delle proprie forze, esausti al suolo. Un viaggio claustrofobico tra rumore e dissonanze, creato soprattutto dai riff stoppati e altamente disarmonici di Lemay & Co. In questo caos apparente si nasconde una melodia malsana, schizofrenica, difficilmente esprimibile a parole. E se questo non bastasse, a stravolgere una già deformata struttura death metal ci pensano innesti di elementi completamente estranei al genere come l'assolo di viola in "Earthly Love".

Un album da ascoltare almeno una volta nella vita, ma che per essere compreso al meglio ha bisogno di ascolti perpetuati nel tempo, facendo scoprire all'ascoltatore la grandezza di quest'opera immensa. Riuscirete a uscire da questo labirinto di Cnosso o perderete la vostra strada tra le strutture di "Obscura"?

Facebook Comments