GOSPEL OF THE HORNS – Ceremonial Conjuration

 
Gruppo: Gospel Of The Horns
Titolo: Ceremonial Conjuration
Anno: 2012
Provenienza: Australia
Etichetta: Invictus Productions
Contatti:

Sito web  Facebook

 
TRACKLIST

  1. Sorcery And Blood
  2. Awakening
  3. Ceremonial Conjuration
  4. Conquering Self
  5. The Fog [cover Goatlord]
DURATA: 18:12
 

L'Australia è un immenso paese, arido… sì, mandatemi pure a fare in culo, lo farei anch’io, se qualcuno iniziasse così un discorso sui Gospel Of The Horns. Sono passati ben cinque anni, per poter sentire notizie da parte di questi signori. Rinfreschiamoci la memoria: nel 2007 apparvero un album — che non era male — e una raccolta con registrazioni del decennio precedente. Queste erano indubbiamente attese da tanti fanatici e a ragione. Le canzoni d'allora non solo spaccano, ma sono pure ardue da trovare su disco o cassetta originali.

L'etichetta tedesca Invictus ci sorprende con un EP che all'uscita di questa critica daterà oltre sette mesi. Mark Howitzer, con la sua voce caratteristica, e i suoi compagni ci assaltano con un thrash nero, grezzo e privo di compromessi che è stato inciso e prodotto in Germania. I quattro pezzi nuovi sono fedeli alla linea offerta abitualmente dagli australiani e, almeno così mi pare, lasciano affiorare qualche tocco norvegese in più del solito che si dimentica appena entra in azione l'obice solista. M'immagino come il pubblico impazzisca durante l'esecuzione in concerto di "Awakening", pezzo non troppo veloce ideale per scuotere la testa e fare casino. Scale marziali, ritmi insolentemente secchi, assoli sferzanti e grida aizzanti vi accompagnano durante questi scarsi venti minuti che avrebbero meritato di presentarsi in un disco pieno. La — sì, diciamolo pure — riuscita cover dei Goatlord non riesce a consolare gli ascoltatori come me che hanno già tutto il possibile in collezione e lascia dunque un tantino d'amaro in bocca.

Che cosa dire? Le canzoni non sono male, ma dopo tanta attesa sarebbe stato bello ricevere almeno una mezz'oretta di materiale fresco. Non ho ancora deciso, so comunque già che alla fine mi troverò questo pezzo di metallo in collezione.

Facebook Comments