Griffon - De Republica | Aristocrazia Webzine

GRIFFON – De Republica

Gruppo: Griffon
Titolo: De Republica
Anno: 2024
Provenienza: Francia
Etichetta: Les Acteurs De L’Ombre Productions
Contatti: Facebook  Youtube  Bandcamp  Instagram  Spotify
TRACKLIST
  1. L’Homme Du Tarn
  2. The Ides Of March
  3. A L’Insurrection
  4. La Semaine Sanglante
  5. La Loi De La Nation
  6. De Republica
DURATA: 36:51

Una delle caratteristiche di certo black metal francese è il ricorso a strutture melodiche volte a costruire scenari evocativi e drammatici, spesso con rimandi più o meno marcati all’epoca medievale. Melodia, pathos e una buona dose di riferimenti storici non mancano nemmeno in De Republica, il terzo album dei Griffon da poco uscito per la transalpina Les Acteurs De L’Ombre.

Oltre all’aspetto prettamente musicale, ho sempre apprezzato la capacità della compagine parigina di analizzare e raccontare in musica argomenti piuttosto complessi. Se Har HaKarmel (2016) esplorava il rapporto tra politeismo e monoteismo — il titolo dell’album fa riferimento al Monte Carmelo, in cui secondo la Bibbia il profeta Elia affrontò e sconfisse un gruppo di profeti del dio Ba’al — e il successivo Ὸ θεὀς Ὸ βασιλεὐς (2020) i legami tra potere spirituale e temporale, De Republica guarda al passato e al presente della Francia. Come riportato dalla stessa band sulla propria pagina Bandcamp, il nuovo album vuole infatti essere un’ode alla Rivoluzione come forma di lotta al dispotismo e alla Repubblica come baluardo della laicità e dell’egualitarismo.

I quasi trentasette minuti del disco costituiscono un ulteriore affinamento della maturità artistica raggiunta dai Griffon, nei quali la melodia rimane l’elemento dominante, mentre i fraseggi di chitarra ricchi di potenza evocativa donano un che di teatrale all’opera, impressione rafforzata dall’alternarsi di screaming ferino e voci pulite in tracce come “L’Homme De Tarn” (dedicata alla memoria del deputato socialista Jean Jaurès, assassinato nel 1914 per il suo impegno antimilitarista) o “The Ides Of March”. Non mancano, poi, momenti dal sapore più sinfonico, come “La Semaine Sanglante”, in cui viene descritta la spietata repressione de La Commune parigina che nel maggio 1871 tinse di sangue le strade della capitale francese.

Con De Republica i Griffon non deludono le aspettative, confezionando un concept black metal di alto livello, un inno contro l’autocrazia carico di dramma e trasporto.

«À la liberté, À la révolution, À lèse-majesté, À l’insurrection