GUILTY AS SIN – Robot Masquerade Party

 
Gruppo: Guilty As Sin
Titolo: Robot Masquerade Party
Anno: 2016
Provenienza: U.S.A.
Etichetta: G.A.S.
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. Data Trail
  2. O.M.C.
  3. This Nanotechnology (Is Killing Me)
  4. IG-88
  5. H+
  6. Drink It Down
  7. Organic Probe Module
  8. Robot Masquerade Party
DURATA: 21:44
 

Sono trascorsi quattro anni dall'ultima volta che abbiamo incrociato i Guilty As Sin e in tutta onestà non avevo la più pallida idea di cosa mi attendesse. Avevo infatti lasciato la creatura guidata da Zak Ovoian con un "Future History" decisamente estremo, ma pur sempre cangiante nell'animo strumentale; con quest'ultima caratteristica a farla praticamente come sempre da padrona. Come li ho ritrovati? Diversi, tuttavia non snaturati.

"Robot Masquerade Party" è l'album più compatto e arrembante composto dalla creatura del Massachusetts, eppure questa è solo una parte della verità, dato che il lavoro sembra avere in dotazione due anime differenti sempre pronte a mettersi in mostra, non presentandosi però in maniera conflittuale. È infatti possibile apprezzare sia la prestazione veemente e schizoide dal tratto tribale-psichedelico di "Drink It Down", sia la diversificazione sonora di classe e dallo spirito fusion di "Organic Probe Module" che la a tratti futuristica "Robot Masquerade Party"; in pratica le tracce più rappresentative e di sostanza in scaletta, figlie in toto del D.N.A. e delle voglie dei Guilty As Sin.

In "Robot Masquerade Party" è stato praticamente compresso tutto ciò che Ovoian e soci hanno esplorato, modellato e poi realizzato nel corso degli anni. Si può annotare come in questa occasione la prestazione vocale di Steve Milionis, dedita a un growl di stile death metal che si inoltra in territorio hardcore, sia decisamente efficiente e abbia ricevuto maggiore attenzione. Inoltre va registrato quanto la mentalità compositiva del gruppo sia costantemente ben disposta ad aprirsi e a ricercare nuove soluzioni da inserire nel già vario bagaglio musicale in dotazione.

In definitiva i Guilty As Sin continuano a fare ciò che amano e in cui eccellono. Tenete conto che al giorno d'oggi non è mica così facile.

 

Facebook Comments