HACAVITZ – Metztli Obscura

HACAVITZ – Metztli Obscura

 
Gruppo: Hacavitz
Titolo: Metztli Obscura
Anno: 2010
Provenienza: Messico
Etichetta: Moribund Records
Contatti:

Sito web

 
TRACKLIST

  1. To Meet Again
  2. Ye Parani Eojtocomol
  3. Towards Black Pest
  4. Hablan Los Muertos
  5. Most Unclean
  6. Cauitl Glalticpac
  7. Angstcraftwerk
  8. Sulphur Winds
  9. Gorajtzin Miqui
DURATA: 37:10
 

Non è chiaro se Metztli fosse un dio o una dea. Gli Aztechi chiamavano così la divinità della Luna. La leggenda dice che Metztli fu relegata a dominare la notte, perché si rifiutò d'immolarsi per ottenere il regno del giorno e diventare così la signora del Sole.

Il Messico è un paese che ospita parecchi gruppi metal d'interesse o meno. Gli Hacavitz ci offrono un disco dalla copertina molto suggestiva. Da quello che posso capire, si tratta di un omaggio alla menzionata divinità. L'immagine risveglia nella mia mente scene di riti sanguinosi, praticati nell'antichità.

Il gruppo intavola un death metal con forti influenze black. I pezzi sono per i miei gusti abbastanza lineari. Trovo qui e là alcuni riff interessanti ma nulla di spettacolare. A essere onesto, mi aspettavo un disco molto più dedicato alle sonorità folcloristiche di stampo azteco-sudamericano, come si trovano sul primo lavoro degli Xibalba. Gli Hacavitz sfornano sì un disco solido, ma che pare vivere di un paio di riff conditi con un arpeggio tipicamente black e di parecchia monotonia. La voce non è male e il batterista pare essere l'unico con la volontà di inserire veramente un poco di varietà.

Soggettivamente devo dire che, malgrado parecchi ascolti, non fui colpito dalla scintilla capace di accendere in me l'entusiasmo per questa produzione. Non voglio sminuire eccessivamente questo disco che contiene comunque alcuni passaggi piacevoli.

Consiglio a tutti gli amici del death lineare sporco di black e senza pretese di darvi un'ascoltata.

Facebook Comments