HEAVEN GREY – Falling Mist

HEAVEN GREY – Falling Mist

 
Gruppo: Heaven Grey
Titolo: Falling Mist
Anno: 2010
Provenienza: Lettonia
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Facebook  Twitter  Youtube  Bandcamp  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. The Way Back Is Gone
  2. Zudusī Dzīvība [Lost Life]
  3. Following
  4. Drīz [Soon]
  5. Prom (Away)
  6. Regret
  7. Life
  8. Upe [River]
  9. It's Time
DURATA: 52:33
 

Nati nel lontano 1993, i lettoni Heaven Grey hanno purtroppo una produzione striminzita, l'ultimo disco è "Falling Mist", pubblicato in questo 2010 a ben dodici anni di distanza da "Northwind", fatica datata '98; è il segnale della rinascita effettiva del progetto. Dopo aver passato momenti grigi intorno al 2000 e aver subito due gravi lutti che hanno reso deficitaria anche la componente formazione, i membri rimanenti hanno ripreso in mano le redini della situazione nel 2007, riattivandosi e riuscendo tramite autoproduzione a regalarci questo nuovo album.

La proposta è un gothic-doom metal che trae ispirazione per certi versi dai Paradise Lost della svolta che va da "Shades Of God" a "Draconian Times", così come dagli Amorphis a partire da "Eclipse" e dai Sentenced; è infatti presente, oltre alla classica matrice melancolica del genere, una forte componente dal gusto rock che si insinua nelle tracce, che vantano sia l'uso della lingua inglese sia della lettone senza che il cambio di idioma incida negativamente.

Le tracce godono di un'alta fruibilità, grazie a strutture non troppo complicate dove il riffing creato da Vyacheslav Nikitin e Vladimir (Dr. Alien) Beluga tendenzialmente semplice ma molto di impatto fa la parte del leone, accompagnato dai sintetizzatori di Olga Klubova che amplificano la profondità del suono, come si evince da brani quali "The Way Back Is Gone" (stranamente nei giri di chitarra c'è qualche ombra Megadeth) e "Following", spirito libero che si assimila con facilità. In "Driz" poi fanno capolino gli ormai defunti Sentenced, mentre in "Life" viene fuori la vena operistica data dalla partecipazione come ospite di Eugenia Petrova, che si amalgama benissimo con la voce scura di Ervins (Verons) Francs e qui i ricordi dei primi anni Novanta affiorano prepotenti e struggenti più che mai, risultando alquanto gradevoli.

Se si può imputare a un disco come "Falling Mist" di non inventare nulla, è anche vero che la qualità e le emozioni che un lavoro simile riesce a esprimere e a donare a chi ascolta non sono di poco conto, forte di una prova complessiva che si completa nel quadro descrittivo con l'operato di un batterista, Oleg Badulin, praticamente perfetto sia come motore puro, sia come elemennto dinamico con cui coopera un bassista, Andrey Rivars, le cui linee ricercate si incastrano e adattano ai tasselli mancanti del puzzle per, dare forma a una figura solida.

Pur vivendo di una produzione cristallina, il suono ricalca quello degli anni d'oro, sensazioni e atmosfere di un periodo che purtroppo non ha possibilità di repliche. Se è questo ciò che cercate nel gotico e non una parata modaiola, gli Heaven Grey e "Falling Mist" fanno assolutamente per voi.

Facebook Comments