HELLSAW – Cold

 
Gruppo: Hellsaw
Titolo:  Cold
Anno: 2009
Provenienza:  Austria
Etichetta: Napalm Records
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. A Suicide Journey
  2. The Black Death
  3. Der Harzwald
  4. 1°F
  5. Cold Aeon
  6. Psycho Pastor
  7. Sulphur Prayer
  8. I Saw Hell
  9. Eyes Of Ice
  10. Moonrites Diabolicum
  11. Ache
  12. Subterranean Empire
  13. Wounds 
DURATA: 46:48
 

Terzo capitolo per la formazione austriaca degli Hellsaw. "Cold" è la conferma di quanto la band sia maturata in questi quasi dieci anni di militanza nella scena riuscendo a trovare un giusto equilibrio fra quello che è il vecchio corso con il nuovo, tant'è che quest'album viene pervaso da black metal di stampo raw, variazioni sul melodico e attimi dediti alla sperimentazione.

La formazione capeggiata dal duo Aries/Svart trae le sue voglie compositive dall'area norvegese dei primi anni Novanta con forte ispirazione proveniente dai primi Immortal, ma trovando anche il tempo per lasciarsi andare alla caciaronaggine degli ultimi Darkthrone.

Se la componente raw è presente in "The Black Death", la vena depresso-onirica in "A Suicide Journey" e il richiamo ai mai dimenticati Bathory in "Der Harzwald", con canzoni come "Cold Aeon" e "I Saw Hell" il percorso prende una virata su lidi thrash e black'n'roll del tutto inaspettata e gradita, per un fluire della scaletta che, seppur vario, mantiene salda come linea guida comune la base black.

Guarda avanti nel suo modo d'intendere lo stile "Psycho Pastor" fra progressione e furia omicida scandita da cambi di tempo sconsiderati quanto improvvisi, mentre si torna a pestare e ripercorre territori ripidi e scoscesi con "Moonrites Diabolicum" e una stralunata quanto oppressiva "Ache".

Gli Hellsaw hanno fatto un buon lavoro con "Cold", l'album è piacevole e fornisce vari spunti d'ascolto, non annoia sulla lunga distanza, mostrando di poter reggere anche dopo svariati passaggi nel lettore, un punto in più a suo favore e da non sottovalutare. Se non l'aveste ancora fatto date una possibilità a questi austriaci.

 

Facebook Comments