HERESIARCH – Death Ordinance

 
Gruppo: Heresiarch
Titolo: Death Ordinance
Anno: 2017
Provenienza: Nuova Zelanda
Etichetta: Dark Descent Records
Contatti:

Facebook  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. Consecrating Fire
  2. Storming Upon Knaves
  3. Harbinger
  4. Ruination
  5. The Yoke
  6. Iron Harvest
  7. Lupine Epoch
  8. Righteous Upsurgence
  9. Desert Of Ash
DURATA: 40:50
 

Perché parlare proprio di "Death Ordinance" degli Heresiarch? Beh, viste le tante ricorrenze storiche del 2017, perché non sceglierne uno con la copertina dedicata alla Grande Guerra? Il 20 novembre 1917, poco più di cento anni fa, gli Alleati sferrarono un attacco sul Fronte Occidentale, a Cambrai per essere precisi. Il comando britannico decise di tentare con un forte dispiegamento di tank (i primi carri armati) lo sfondamento della temuta Linea Sigfried. Il quartetto neozelandese Heresiarch sonorizza in modo adatto quegli avvenimenti pugnaci con note «Bestial Black Metal».

Gli accenni marziali di "Consecrating Fire" lasciano intravedere in quale direzione andrà questo debutto, nato dall'esperienza raccolta con una demo e due EP. Gli stilemi del genere sono innegabili, ma anche il puntuale intreccio di chiare frasi Death e Doom, usato per dare più peso agli argomenti bellici. L'oscura lentezza creata da queste trame rende l'angoscia trasudata da "Death Ordinance" quasi tangibile per l'ascoltatore.

L'interazione fra l'ossessivo rullio della doppia cassa e la possente squadra di corde rievoca immagini di frementi soldati accovacciati nella trincea, rifugio e trappola allo stesso tempo, esasperati dal delirante avanzare del massacrante martellamento di artiglieria. I tremori delle esplosioni affliggono ossa, tessuti, viscere e anime.

Gli Heresiarch riescono così a posizionarsi crudelmente in un limbo fra il Black Metal estremo e il Doom di stampo funebre. Ricapitoliamo: il «Bestial Black Metal» è un genere limitato nelle sue possibilità. Per attirare la nostra attenzione, i Neozelandesi ricorrono a stratagemmi quali cambiamenti di tempo ben piazzati o contrasti di ritmi, con successo.

Facebook Comments