HIBERNUS – Nostra Terribilis Hiems

HIBERNUS – Nostra Terribilis Hiems


Informazioni
Gruppo: Hibernus
Anno: 2009
Etichetta: Autoprodotto
Autore: Cupra

Tracklist
1. Suspirium Mortis
2. Hiems Gelida
3. Glorificato Dalle Tenebre
4. L'Incantevole Luna
5. Il Funerale Del Vespro

DURATA: 30:08

Gli Hibernus sonHIBERNUS - Nostra Terribilis Hiems o una giovane realtà abruzzese che ha dato alla luce questo "Nostra Terribilis Hiems" a un anno dal primo demo "Propaganda Di Guerra".
La band definisce il suo sound Depressive Black metal ispirato ai fenomeni della stagione invernale, concetto emblematicamente racchiuso nel semplice ma efficace artwork del cd.
Scenari desolanti e spettrali vengono disegnati dalla musica degli Hibernus che a strutture ritmiche sostenute e martellanti alternano lunghi momenti introspettivi e atmosferici, dove a tenere la "scena" sono arpeggi mesti e soffusi che risultano molto incisivi nell'amplificare un forte senso di disagio e inquietudine che pervade tutta la release. Scarni riffs di chitarra sferzano senza sosta le nostre orecchie grazie ad una distorsione cruda e gelida che si abbatte come una bufera di neve. Le stridule (in senso buono) vocals di Tasatyr, quasi animalesche, si fanno portavoce di antiche leggende, di danze spettrali che prendono vita nelle gelide notti invernali rischiarate dalla luna e dell'inferiorità dell'uomo, dovuta alla sua imperfezione originaria, di fronte alla maestosità della natura.
Purtroppo le buone cose partorite in questo "Nostra Terribilis Hiems" vengono un po' offuscate dalla produzione: spesso le linee vocali sono coperte dalla batteria, così come le chitarre che restano troppo in secondo piano: a causa del mancato bilanciamento dei suoni talvolta risulta difficile comprendere fino a fondo i patterns. Non che sia un'amante delle produzioni piatte e cristalline, ma in questo caso la forma va a discapito della sostanza. Nonostante ciò posso comunque dire che le potenzialità espresse dagli Hibernus lasciano ben sperare per il futuro e che con l'ausilio di una produzione migliore potranno sicuramente fare il grande salto nel prossimo lavoro.

Facebook Comments