HORRORSCOPE – Altered Worlds Practice

 
Gruppo: Horrorscope
Titolo: Altered Worlds Practice
Anno: 2017
Provenienza: Polonia
Etichetta: Defense Records
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter  Youtube  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. Headhunters Are Back
  2. Parallel Worlds Practice
  3. Countdown Of The Mad
  4. Chaos Approved
  5. Delicious Hell
  6. The Jinx
  7. Der Jäger (Striking With Impunity)
  8. Addicted To Fear
  9. Direction Backwards
  10. Wolverine Blues [cover Entombed]
DURATA: 46:10
 

Gli Horrorscope sono una buona band thrash metal proveniente dalla Polonia. Probabilmente, i più navigati li avranno sentiti nominare o avranno avuto maniera di ascoltarne i lavori; del resto, non parliamo di una compagine in giro da poco, bensì di musicisti giunti alla sesta pubblicazione in quasi venti anni d'attività con "Altered Worlds Practice".

L'approccio del gruppo polacco è quadrato e determinato, possiede tanto groove, aperture solistiche indovinate e inclusioni di varianti melodiche piacevoli e mai esageratamente ingombranti. In pratica, pur non inventando nulla e attingendo — talvolta anche eccessivamente — da vari nomi della scena sia statunitense che europea, gli Horrorscope hanno modellato un disco dal sicuro impatto e dalla discreta orecchiabilità.

I Polacchi infilano pezzi prestanti e coinvolgenti ("Countdown Of The Mad" e "Chaos Approved"), dal ritornello azzeccato ("Parallel Worlds Of Practice", nel quale appare l'assolo dell'ospite Sergio Klein), in cui si fanno largo estremizzazioni più accentuate in ambito ritmico ("Delicious Hell", intitolato come il disco precedente rilasciato nel 2015) e sul versante groove ("The Jinx", con un basso molto presente), mostrando sempre e comunque i muscoli in maniera compatta.

Nonostante in alcune circostanze la ripetizione di un paio di schemi compositivi forse sin troppo assorbiti allenti un po' la tensione, l'album conclude il proprio corso più che degnamente e funziona, regalando anche una discreta cover di "Wolverine Blues", classico degli Entombed contenuto nel disco eponimo pubblicato nel 1993. Nel complesso la prova è buona sia dal punto di vista strumentale che vocale.

"Altered Worlds Practice" è un'uscita che si lascia apprezzare anche sul versante visivo. Aprendo il libretto informativo, potrete notare come in ogni pagina sia stata impressa un'immagine; scorrendole una dopo l'altra, vi sembrerà di avere a che fare con una breve ma esplicita storia, le cui figure e le scelte cromatiche ben si affiancano alle tematiche trattate (scopritele attraverso la lettura dei testi) e all'interpretazione scontrosa.

In definitiva, gli Horrorscope svolgono il proprio compito con convinzione e l'headbanging è assicurato; un ulteriore segnale positivo inviato da una formazione che non ha poi molto da invidiare a tantissime realtà in giro nella scena odierna. Questi veterani non mollano la presa e fanno bene: il loro thrash ne è la prova.

Facebook Comments