HOURSWILL – Harm Full Embrace

HOURSWILL – Harm Full Embrace

 
Gruppo: Hourswill
Titolo: Harm Full Embrace
Anno: 2017
Provenienza: Portogallo
Etichetta: Ethereal Sound Works
Contatti:

Facebook  Soundcloud  Youtube  

 
TRACKLIST

  1. Children Of The Void
  2. Blinding Light
  3. Mass Insanity
  4. Liberty Theory
  5. Everyday Sage
  6. Social Disease
  7. At Harms Embrace
  8. Abyss Syndrome
DURATA: 56:23
 

I portoghesi Hourswill hanno debuttato nel 2014 con un discreto album di progressive metal intitolato "Inevitable". A tre anni di distanza, tornano a farsi vivi con "Harm Full Embrace", disco custode di un paio di novità.

La prima di queste è legata sicuramente al cambio di cantante: non c'è più Nuno Damião, al suo posto troviamo Leonel Silva (membro di un'altra vecchia conoscenza aristocratica quali i Fantasy Opus), la cui esecuzione fornisce tratti più scuri e severi alla prova. La seconda è riscontrabile nella proposta in sé: ancora una volta è influenzata dalle scelte e dall'impostazione di artisti come Nevermore, Communic e Morgana Lefay, a questi sembra si sia però aggiunto il nome dei danesi Mercenary e in certi tratti una componente maideniana non poi così presente in passato; inoltre sono aumentati sia il tasso di teatralità che gli andamenti trascinanti da sfruttare in sede live.

Energia, melodia, padronanza del genere, la decisione — corretta a parere del sottoscritto — di eliminare quelle inutili forzature in voce estrema e uno stile compositivamente tecnico, ma al servizio del pezzo, fanno di "Harm Full Embrace" una buona prestazione del genere, in grado di consegnare all'ascoltatore brani avvincenti e di qualità come "Children Of The Void", la doppietta posta a centro scaletta composta da "Liberty Theory" ed "Everyday Sage" e il conclusivo "Abyss Syndrome".

Insomma, il disco degli Hourswill conferma che la band ha qualcosa da dire e sembra stia cercando, pur muovendosi costantemente in territori alquanto conosciuti all'orecchio, di percorrere la strada migliore possibile. "Harm Full Embrace" ne è una cristallina dimostrazione.

Facebook Comments