HYBAN DRACO – Dead Are Not Silent

 
Gruppo: Hyban Draco
Titolo:  Dead Are Not Silent
Anno: 2011
Provenienza: Spagna
Etichetta: Autoprodotto
Contatti: Facebook
 
TRACKLIST

  1. Angel's Nightmare
  2. The Star That Light's The Lake
  3. Victoris Betrayal
  4. Moon's Crust
  5. Infernal Glory
  6. The Soul That Wonders Around The Universe
  7. Supernatural Invocation
  8. Dead Are Not Silent
  9. God Of Darkness
  10. Spirit Lost Shade
DURATA: 45:39
 

Sono passati solo pochi mesi da quando vi parlai di "Frozen Whispers", il primo full degli spagnoli Hyban Draco. Il disco raccoglieva alcuni brani dei demo antecedenti e metteva in mostra una band che, seppure dotata di buone qualità, soffriva di una eccessiva derivazione Dissection. E' quindi con piacere che mi sono avvicinato al nuovo album, "Dead Are Not Silent", curioso di valutare l'operato nuovo di zecca degli iberici.

Ciò che mi salta subito all'orecchio è che fortunatamente nelle novelle composizioni è presente una personalità molto più marcata. Il sound si è arricchito di spunti notevoli che, nonostante l'ombra della band di Nodtveit sia ancora presente, donano una marcia in più al songwriting del gruppo. Le novità sono soprattutto rappresentate da sfuriate formate da un riffing Death/Thrash incisivo e incalzante, presenti in "The Star That Light's The Lake" e "God Of Darkness", e parti melodiche ben curate e molto più oscure rispetto al debutto, come nella bellissima e demoniaca "Infernal Glory" e nella più atmosferica "The Soul That Wonders Around The Universe". Da rimarcare sicuramente la naturalezza con cui, in pezzi come "Moon's Crust" e "Supernatural Invocation", viene combinata una rocciosa compattezza generale con linee melodiche di ottima fattura. Certo, c'è qualche difetto: ad esempio alcuni orpelli evitabili come gli assoli un po' vanagloriosi di "Victoris Betrayal" e certi arrangiamenti ruffiani e abbastanza prevedibili della title-track. Tutto sommato però nella resa finale sono ingenuità di poco conto.

Da sottolineare in maniera particolare la superlativa prestazione di Mike dietro le pelli, un autentico schiacciasassi, e la graffiante voce di Hyban Sparda. La produzione è sicuramente buona e fa risaltare nello specifico gli intrecci tra le chitarre, il vero fulcro di tutta la proposta.

Dopo "Frozen Whispers" ciò che volevo sentire dagli Hyban Draco era una dimostrazione di personalità e questo obbiettivo è stato raggiunto. "Dead Are Not Silent" è un album di qualità, che suona bene, non originale, ma sicuramente personale. In attesa di ulteriori sviluppi ed eventuali maggiori miglioramenti, un plauso agli spagnoli voglio farlo, unendo la raccomandazione ai lettori di ascoltare questo disco. Non sarà innovativo, ma il suo lavoro lo svolge in maniera più che apprezzabile!

Facebook Comments