HYBAN DRACO – Frozen Whispers

HYBAN DRACO – Frozen Whispers

 
Gruppo: Hyban Draco
Titolo:  Frozen Whispers
Anno: 2010
Provenienza: Spagna
Etichetta: Copro Records
Contatti: Facebook
 
TRACKLIST

  1. The Frozen Sky
  2. A Prophecy Of Insane
  3. Storm Of Red Blood
  4. Through Thunder They Will Come
  5. When We Die
  6. The Sound Of Ancestral Demons
  7. Lost Honour, Spilled Blood
  8. Horizon Shadows
  9. Infernal
  10. The Requiem
DURATA: 44:05
 

Gli Hyban Draco sono una formazione originaria della Spagna, per la precisione da Tarragona, città situata nella comunità autonoma della Catalogna. Il quartetto composto da Hyban Sparda nel ruolo di voce e chitarra solista, Oby al basso, Cristoval alla ritmica e Mike dietro le pelli arriva al debutto con il disco "Frozen Whispers". Scorrendo le informazioni sul loro conto ho potuto notare che in realtà questo lavoro è una raccolta del materiale proveniente dai due demo precedenti. Nessun inedito dunque, ma probabilmente l'intento di questa mossa era quello di donare maggiore giustizia alla loro musica racchiudendola in un vero e proprio album.

La proposta di base di questi spagnoli è un Black melodico estremamente debitore alla scena svedese, arricchito da notevoli influenze Death. Diventa quindi quasi inevitabile che i Dissection siano uno dei punti fermi nell'ispirazione di questo combo. Qui però sorge il problema, o comunque quella che è la maggiore pecca del disco. La derivazione è talmente forte che spesso e volentieri sembrerebbe di ascoltare un "The Somberlain" riarrangiato. Onore al merito, gli Hyban Draco godono di una buona tecnica e di una passione vera e genuina che trasuda da ogni nota, ma il grosso limite è che non osano mai spingersi al di là di quello che è lo schema tracciato principalmente dalla storica band di Nodtveit. Ci sono picchi di elevata qualità in scaletta come "The Sound Of Ancestral Demons", "Through Thunder They Will Come", "Lost Honour, Spilled Blood" e "When We Die" nella quale spunta anche un pizzico di personalità propria. Il riffing è robusto e compatto, gli arrangiamenti e gli intrecci tra la due chitarre sono davvero notevoli e ben eseguiti e il drumming risulta abbastanza vario e potente, sebbene anche qui l'alone del "già sentito" permei pesantemente ogni pattern. Anche le prestazioni soliste sono di ottima fattura e ben congegnate, "Storm Of The Red Blood" e "Horizon Shadows" ne sono un esempio lampante. I ragazzi inoltre sono davvero bravi a incastonare bene le parti in cui il pedale del gas è schiacciato fino in fondo a quelle più melodiche e distensive. Tutti questi meriti, seppur notevoli, non cambiano però purtroppo il risultato di fondo: il disco è davvero bello, ma l'impressione di trovarsi di fronte a un rip-off è troppo accentuata.

Le potenzialità ci sono, ma vanno messe in gioco e portate a frutto. Personalmente ritengo "Frozen Whispers" un buon prodotto che purtroppo non riesce ancora a spiccare tra le innumerevoli uscite del genere. Spero vivamente che questo sia un inizio da cui partire e non un risultato di cui accontentarsi. Gli spagnoli hanno dimostrato di essere in grado di suonare e di far emergere la passione, ora è il momento di sfoderare la personalità e di costruire qualcosa di proprio. In attesa che ciò accada, vi consiglio di non negare un ascolto a questo lavoro e di seguire questi ragazzi: sono sicuro che sapranno dare nuova linfa creativa alle loro composizioni!

Facebook Comments