I.R.O.N. – Reforge: Metalized, Mechanized And Upgraded

 
Gruppo: I.R.O.N.
Titolo: Re-Forge: Metalized, Mechanized And Upgraded
Anno: 2013
Provenienza: Europa
Etichetta: Rage In Eden
Contatti:

Sito web  Soundcloud  Bandcamp

 
TRACKLIST

  1. The Industrial Man
  2. Titanium Sun
  3. Infiltrate The System
  4. No Existence
  5. Troopers
  6. Demolition Force
  7. Hypercharger
  8. The Machine
  9. Singularity – The Final End
DURATA: 41:45
 

Torna sulle pagine di Aristocrazia Legionarii: artista di spicco nel roster di Rage In Eden, dopo l'eccellente "Disciples Of The State" indossa una seconda volta le vesti di I.R.O.N. per dare vita a "Re-Forge: Metalized, Mechanized And Upgraded", album che riporta nelle casse dei nostri impianti la modernità più estrema, nonché le atmosfere tecnologiche e claustrofobiche già note a chi s'è dedicato a suo tempo all'ascolto del precedente "Evolving".

Composto da un susseguirsi di inediti e remix di brani già presenti nel vecchio lavoro, "Re-Forge" porta alle estreme conseguenze l'estetica musicale del suo predecessore; catapulta l'ascoltatore in una vera e propria guerra sonora, una guerra futuristica, lontana anni luce (nel senso più letterale del termine) dalle atmosfere classiche a cui il martial ha abituato il proprio pubblico nel corso degli ultimi anni.

L'inizio del disco è di grande impatto: deciso, aggressivo, "The Industrial Man" irrompe come una bomba H col fragore delle sue percussioni industriali; la stratificazione sonora è ricca a tal punto che risulta complesso riconoscere e descrivere i vari elementi che si vanno a sommare all'interno del brano. Un elemento tuttavia brilla di novità: una chitarra elettrica distorta e granitica, che domina la scena e tesse una trama sonora disturbante, un humus fertile su cui l'autore costruisce i suoi castelli avveniristici e visionari.

Le visioni di un ipotetico mondo futuro totalmente militarizzato proseguono in tutti gli inediti del disco: "Infiltrate The System" vive due momenti distinti, l'inizio è pacato e riflessivo, ma porta a un'esplosione travolgente che costringerà anche il più compassato ed elegante ascoltatore di musica marziale a scuotere la testa come un forsennato sull'enorme riff dal sapore quasi sludge; "Troopers" racconta di una marcia robotizzata e contiene le reminiscenze più classiche dell'intero disco; "Uppercharger" martella con suoni che paiono usciti direttamente da una ipertecnologica catena di montaggio.

I brani rivisitati e remixati non sono da meno, la nuova veste sonora dona un tocco originale, e le vecchie tracce ne escono completamente ridisegnate: come "Titanium Sun", che cancella l'originale "Dawn Of Steel" col suo concentrato di distorsioni e il suo perenne midtempo, e "The Machine", il cui beat selvaggio raggiunge picchi di incisività sconosciuti alla sua genitrice "Mechanic State".

Per la seconda volta nel 2013 Legionarii spiazza tutti cambiando le carte in tavola, e si conferma l'artista più in forma nel suo ambito musicale in questo secondo decennio degli anni 2000. Grazie al feroce automa che vive nelle tracce di "Re-Forge", saprà nuovamente stupire anche gli ascoltatori più esperti e incalliti, ma al tempo stesso (grazie all’occhiolino strizzato al metallo pesante) saprà catturare nuove fasce di pubblico e avvicinarle a una scena spesso poco conosciuta.

Facebook Comments

Un pensiero riguardo “I.R.O.N. – Reforge: Metalized, Mechanized And Upgraded

  • 27 Gennaio 2014 in 14:32
    Permalink

    Disco assolutamente [b]grossissimo[/b] e con uno spessore che ha dell’incredibile: “Infiltrate The System” è una delle cose più enormi che io abbia mai ascoltato.

I commenti sono chiusi