IF I DIE TODAY – Cursed

 
Gruppo: If I Die Today
Titolo: Cursed
Anno: 2015
Provenienza: Italia
Etichetta: Sliptrick Records
Contatti:

Sito web  Facebook  Twitter

 
TRACKLIST

  1. Jesus
  2. Adams
  3. Lucifer
  4. Patrick
  5. Elisabeth
  6. Faustus
  7. The Ancient Mariner
  8. Vincent
  9. Cursed
DURATA: 26:01
 

Odio, conflitto, maledizione. Questi alcuni dei concetti alla base di "Cursed", l'ultima fatica targata If I Die Today. La band originaria di Mondovì (Cuneo) ha lasciato completamente alle spalle il proprio passato dalle tinte melodiche e si è gettata senza remore tra le braccia del post-hardcore più distruttivo alla Converge. Devo dire che non avevo seguito il gruppo nei lavori precedenti, ma qui si è letteralmente cambiata musica.

Già a partire dalla copertina sappiamo di trovarci davanti a una raccolta di versi carichi di rabbia, disobbedienza e marciume. La maggior parte dei brani è ispirata a personaggi biblici o letterari in generale, iniziando da un Cristo pieno di odio nei confronti del padre assente che l'ha abbandonato sulla croce ("Jesus", di cui esiste anche un video ufficiale), fino al Dottor Faustus che allo stesso tempo accetta e teme la propria maledizione ("Faustus"). Dopo aver esplorato diversi casi individuali, l'atmosferico brano finale "Cursed" (che è anche l'unico a superare i quattro minuti) annuncia la fine dell'umanità tutta e la sua dannazione, soprattutto con i versi finali «No mercy, no love, the will of your father is gone, darkness has come».

Musicalmente ci troviamo dalle parti di un post-hardcore piuttosto violento, non molto influenzato dalle complicazioni math che tanto successo hanno avuto in un altro filone. Il lavoro a più voci portato avanti da Marco Fresia (voce principale), Antonio Aresu (chitarra) e Morgan Ferrua (basso) dà maggiore profondità alla disperazione dei personaggi chiamati in causa, in particolare grazie all'ottima performance di Marco. La batteria di Davide Gallo spacca le certezze di chi erroneamente si avvicina a questo disco con amore per la vita, taglientissima la chitarra e molto solido il basso.

Alla fine dell'album quasi ne vorremmo di più, ma in realtà è probabile che un'opera più lunga avrebbe perso in incisività. Farei un unico appunto a qualche piccolo difetto linguistico/di stampa nei testi del libretto, tuttavia "Cursed" funziona molto bene nel suo complesso e nel connubio di immagini e musica. Auguro grandi cose agli If I Die Today, attualmente alle prese con il loro tour europeo.

Facebook Comments