IMPALED BITCH – Scavenger Of Corpse

 
Gruppo: Impaled Bitch
Titolo:  Scavenger Of Corpse
Anno: 2010
Provenienza:  Italia
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. Fatherless Child
  2. GodSuck
  3. Kill The Pedopriest
  4. May
  5. Liberati
  6. Your Mind
DURATA: 21:32
 

Impaled Bitch, one man band nata unicamente come grindcore/brutal death diretto e ignorante come tradizione impone, ora si sta muovendo verso nuove sperimentazioni, che però non sembrano funzionare.

La componente death metal affiora molto meglio adesso, ma la voce di "Scavenger Of Corpse" rovina il contesto strumentale meticolosamente studiato per dare un tocco atmosferico alla produzione di una canzone che si riesce ad ascoltare piacevolmente solo nel primo e nell'ultimo minuto.

A causa della virtualizzazione della musica proposta un parere oggettivo non può che essere negativo, i riff sincopati sono letteralmente strazianti, quanto minimamente sufficienti, ecco che su dei pattern non proprio ottimi di batteria si impone un cantante che deve assolutamente cambiare impostazione di canto, buono il pig squeal e alcuni inhale di "God Suck", tuttavia c'è molto da perfezionare. "May" è la migliore offerta del disco, aggressiva e melodica al punto giusto, le altre canzoni sono comunque originali però non abbastanza carine da essere citate.

Fortunatamente per SoSo le capacità ci sono, anche se è da troppo tempo che si aspetta un salto di qualità, ma è ben lontano dall'arrivare ai degni livelli di realtà mediterranee come Haemophagus, Necrass, Balatonizer. Ho citato solo band siciliane per il nome Impaled Bitch che è calabrese, proprio della mia Vibo Valentia.

È da prefersi una produzione meno numerosa e più curata, soprattutto perchè gli ascoltatori di grind hanno a che fare con infinite realtà al giorno: non possono che skippare nuove proposte che si differenziano di niente, a livello di qualità, dalle precedenti. Bisogna rendere più interessante la propria opera, e ci vuole un lavoro dedito sì spassionatamente, ma soprattutto serio.

Facebook Comments