INEXORABLE – Deathlands

INEXORABLE – Deathlands

 
Gruppo: Inexorable
Titolo:  Deathlands
Anno: 2008
Provenienza:  Germania
Etichetta: Autoprodotto
Contatti:

Facebook  Reverbnation

 
TRACKLIST

  1. Intro
  2. The Deathlands
  3. Look Down On Us
  4. The Reaper Of Mortal Creatures
  5. Abducted By The Dead
  6. Forever Dead
DURATA: 21:50
 

La band tedesca degli Inexorable si muove nell'underground nascondendo dietro il proprio nome artisti che hanno ormai consolidato il loro valore nella scena teutonica.

Quello che "Deathlands", il loro ep del 2008. ha intenzione di farci compiere è un bel salto indietro nel tempo, permettendo al suono di matrice newyorkese del death più oscuro alla Immolation di combinarsi a tratti dello stile floridiano più morboso derivante dall'operato di Trey Azagthoth e compagni.

Dopo il breve "Intro" già con l'eponima traccia "The Deathlands" si fa chiara la situazione. Toni grevi, accelerazioni di batteria e impatto sono queste le armi che nell'ancora non totalmente maturo lavoro prendono forma e danno a esso sostanza. Il riffing creato da Sandor Fekete è vario e spesso incisivo, basta ascoltare "The Reaper Of Mortal Creatures", così come la prova vocale di Thomas Berthel è probabilmente la cosa più riuscita dell'intero ep. Il cantante è sempre presente e caratterizza a suo piacimento lo spazio concessogli fra i passaggi in maniera personale e indovinata. Questo fa sì che il restante trio di canzoni "Look Down Of Us", Abducted By The Dead" e "Forever Dead" per quanto legate agli stilemi più standard del genere risulti godibile.

È vero anche che il supporto di basso e batteria si fa sentire non poco, Lutz Friedrich e Tom Stengl, pur se limitati, come del resto il complesso, da una produzione che purtroppo non rende loro giustizia, sporca, ma non di quelle che ti donano un alone tetro, tendendo invece ad oscurare in parte il valore dell'esecuzione, fanno la loro parte decisamente con piglio.

Un mini che fa ben sperare per il futuro, gettate le basi e con una direzione tracciata che sembrerebbe piuttosto delineata non rimane che aggiustare i piccoli difetti e guadagnare un po' di personalità. Sistemato il tiro ci troveremo dinanzi una formazione che potrà dire tranquillamente la sua nel folto delle miriadi di uscite che il mercato annualmente ci propone.

Facebook Comments