INFERA BRUO – Desolate Unknown

 
Gruppo: Infera Bruo
Titolo:  Desolate Unknown
Anno: 2013
Provenienza: Boston, U.S.A.
Etichetta: Acephale Winter Productions
Contatti: ReverbnationFacebook
 
TRACKLIST

  1. Visions Of The Inner Eye
  2. Oblivion
  3. Segue I
  4. Ritual Within
  5. Dust Of Stars
  6. Segue II
  7. Invoking Collapse
DURATA: 49:08
 

Già il primo lavoro degli Infera Bruo, l'omonimo album del 2011, era uscito senza il sostegno di alcuna casa di produzione; a due anni di distanza, la storia si ripete e "Desolate Unknown" vede la luce come autoproduzione. Ci vuole qualche mese prima che l'interessante etichetta nordamericana Acephale Winter riesca a distribuirne una versione su cassetta, oggetto di questo articolo.

L'opera seconda del gruppo bostoniano è un album solido, compatto e ben costruito: il black metal in cui pianta le proprie radici è molto diversificato e dalle tendenze fortemente progressive, dove a farla da padroni sono gli ormai tipici suoni degli ultimi Enslaved. Gli up-tempo su cui si dispiegano versi cantati ("Oblivion", "Ritual Within") con voce pulita non possono che rimandare alla band norvegese e al loro "Axioma Ethica Odini", così come i brani molto lunghi e strutturati (tolto il pezzo d'apertura e due interludi tutti abbondantemente sopra gli otto minuti) e la presenza di assoli si legano a determinate influenze più ragionate ed elaborate, ma sempre destreggiandosi abilmente all'interno dei confini del genere di riferimento.

Il modo in cui i quattro musicisti che compongono la formazione si spartiscono i compiti è un'ulteriore testimonianza di come agli Infera Bruo piaccia fare le cose in maniera poco convenzionale: Ardroth, Galen e Neutrino si dividono rispettivamente batteria, chitarre e basso, ma tutti e tre si avvicendano dietro al microfono senza soluzione di continuità, mentre Germanicus è incaricato del lavoro con sintetizzatori ed effettistica. L'operato di quest'ultimo, a onor del vero, è un po' confinato in secondo piano dal più classico comparto strumentistico, ma quel tanto basta per donare a "Desolate Unknown" una personalità propria.

La produzione, come è lecito aspettarsi da una band che offre una proposta simile, è più che buona, e i suoni risultano al tempo stesso puliti e asciutti: nonostante il master sia un'autoproduzione e la cassetta regali il suo tipico, leggero fruscio di fondo, la band ha lavorato eccellentemente.

Creatura giovane, certamente, tuttavia di carattere e innegabile qualità. Gli Infera Bruo hanno parecchie frecce al loro arco, e i seguaci delle correnti più intellettuali del black metal dovrebbero controllare di persona, anche solo per il fatto che suoni di questo tipo sono piuttosto rari al di fuori della Scandinavia.

Facebook Comments