INNER SANCTVM – Christi Testamenta

 
Gruppo: Inner Sanctvm
Titolo:  Christi Testamenta
Anno: 2012
Provenienza:  Uruguay
Etichetta: I, Voidhanger Records
Contatti:

Facebook  Twitter  Soundcloud  Youtube

 
TRACKLIST

  1.  Machines
  2. Hemoglobin
  3. Waking The Dead
  4. The Emperor Wears No Clothes
  5. Trial By Fire
  6. The Good Shepherd
  7. Myths Of Creation
  8. Wisdom's Call
  9. Dark Frozen Mud
  10. And The Truth Shall Make You Free
  11. Return To The Eve [cover Celtic Frost Cover]
  12. Heaven On Their Minds [cover OST Jesus Christ Superstar]
DURATA: 44:25
 

Continua la serie degli a volte ritornano e stavolta è il turno degli Inner Sanctvm. La formazione ha ripreso le attività dopo ben diciassette anni di fermo compositivo, è infatti legata al 1994 l'uscita del debutto "Frozen Souls" e del 2012 ne segna il come-back con "Christi Testamenta" rilasciato tramite l'etichetta nostrana I, Voidhanger Records.

La band contempla al suo interno due nomi noti alla scena europea: il bassista Francisco Martìn — musicista che oltre a partecipare al progetto cileno Sacramento, è un ex dei polacchi Vesania e attivo all'interno degli svedesi The Gardnerz — e il chitarrista-cantante Anton Reisenegger conosciuto per la sua militanza in gruppi quali Criminal, Lock Up e Pentagram.

La musica è volutamente retrò, è impossibile non notare la matrice thrash all'interno del progetto e i rimandi a uno dei caposaldi del metal estremo quale sono i Celtic Frost, non attendetevi quindi accelerazioni impressionanti o chissà quale tecnicismo esasperato, la mole compositiva tende a riflettere una posizione volutamente annerita, dai tratti sì melodici, ma inevitabilmente tutt'altro che leggeri o svedeseggianti, è infatti una dose di groove inconfondibile che si espande a più riprese a farla da padrone come avviene nell'intrigante "The Emperor Wears No Clothes" che sul finire tira in ballo pure i Death di Mr. Schuldiner.

Il riffato da headbanging di "Machines" incrocia la prestanza nera ed epicheggiante di "Hemoglobin", traccia nella quale il basso trova spazio per ritagliarsi una breve apparizione solistica, mentre la cavalcata dal gusto punk insita nella striminzita "Trial By Fire" si scontra con le sulfuree scanalature incluse all'interno di "Myths Of Creation". Ogni singola movenza all'interno di "Christi Testamenta" riporta alla memoria il periodo intriso di fervore e genuina oscurità del death di fine anni Ottanta, primi anni Novanta e in questo lauto pasto musicale si fa strada la brillante prestazione del chitarrista solista Heber W. Hammer che aggiunge valore a una prova di per sé già ben oltre la media.

Il lavoro trova la sua conclusione nella realizzazione di due cover: la prima è un omaggio ai padrini Celtic Frost di "Morbid Tales" con l'esecuzione di "Return To Eve", brano decisamente nelle corde degli Inner Sanctvm; la seconda è "Heaven On Their Minds", pezzo appartenente alla colonna sonora del musical "Jesus Christ Superstar" nella cui prima versione datata 1970 partecipò Ian Gillan prestando la sua voce alle parti cantate di Gesù, scelta inusuale, tuttavia dato che è Giuda a tenere le redini del suddetto questa versione più acida e prestante la si potrebbe ritenere adeguata all'esprimersi di una figura fantoccio che la Chiesa ha millenariamente incolpato per la cattura del proprio fantomatico leader.

Gli Inner Sanctvm hanno tutte le carte in regola per appassionare i cultori della vecchia scuola, qualità e sostanza si amalgamano molto bene all'interno di un "Christi Testamenta" che mi auguro possa ricevere tutte le attenzioni che merita.

 

Facebook Comments