KERASPHORUS – Cloven Hooves At The Holocaust Dawn

 
Gruppo: Kerasphorus
Titolo:  Cloven Hooves At The Holocaust Dawn
Anno: 2010
Provenienza:  Stati Uniti
Etichetta: Nuclear War Now! Productions
Contatti:

non disponibili
 

 
TRACKLIST

  1. The Abyssal Sanhedrin
  2. Aesoth Paradigm
  3. Disturb the Furthest Stars
  4. Swarm Intelligentsia
DURATA: 18:25
 

Credete veramente che ogni confezione con l’etichetta Pete Helmkamp aperta contenga Helmkamp? Gli Slayer non sono più degni di tale nome, i Malevolent Creation sono ormai un’ombra di se stessi e non più credibili… Quante illusioni avete?

Invece avete ragione. Pete Helmkamp sforna da anni le sue pagnotte utilizzando sempre la stessa ricetta. Al pubblico piacciono e nessuno reclama. Che cosa aspettarsi allora da un altro progetto capeggiato da questo musicista iperattivo?

Order From Chaos e Angelcorpse sono solo due nomi con il marchio DOC Helmkamp. Questo signore è attivo nella scena metal ormai da più di vent’anni e non ha ancora intenzione di andare in pensione. La sua passione per i generi estremi è quasi mitica nell’olimpo del metal. Pete non solo si dedica alla produzione della musica, ma è anche simbolo d'influenza per parecchi gruppi moderni. Pete Helmkamp è una vera icona.

Cosa ci offrono i Kerasphorus con il loro EP intitolato "Cloven Hooves At The Holocaust Dawn"? Non pensateci più di quel tanto. Black death veloce e brutale, come poteva essere altrimenti? Il tutto viene arrotondato da spunti thrash che alleggeriscono il tutto. La voce del capo accentua le linee mitragliate dal plotone di chitarra e basso, mentre la batteria sostiene impietosamente la ritmica.

Che dire? È un disco corto che non porta nessun vento nuovo nella massa di uscite attuali. Considerato solo da questo lato, si tratta di un lavoro mediocre che può divenire rapidamente noioso all'ascolto. D'altro canto la fattura dei pezzi convince grazie alla buona qualità d'esecuzione.

Riciclo la mia famosa frase di chiusura: se cercate innovazioni, lasciate stare questo disco. Se invece volete musica di fattura solida che vi spacca il collo, allora servitevi e non ne sarete delusi.

Facebook Comments