KERKER – Ban All Lights

Gruppo:Kerker
Titolo:Ban All Lights
Anno:2016
Provenienza:Germania
Etichetta:Nihilistische KlangKunst
Contatti:non disponibili
TRACKLIST

  1. The Pathfinder
  2. A Lizards Waltz
  3. Beasts Of The Seas
  4. The Coal Roller
  5. Eurydice
  6. And Then They Took The City
  7. The Warlord
  8. Ban All Lights
DURATA:35:39

I Kerker sono una sconosciuta e ormai sciolta band black metal tedesca, nata nel 2006 e con una esperienza decennale alle spalle. Rappresentano il precedente capitolo musicale di Neideck e Arges, personaggi che ho avuto modo di conoscere poco tempo fa col progetto The Last Seed, sempre su Nihilistische KlangKunst.

Ascoltare Ban All Lights equivale a confrontarsi col prologo dello stesso Hellboy dei The Last Seed, con identici pregi e difetti. Black metal dal taglio lo-fi e melodico, da sorbirsi rigorosamente in cuffia, ammantati dai suoni ovattati e dal gusto naïf generale. Riff dal tono fiero, incursioni acustiche e tappeti di tastiere contribuiscono a smuovere l’animo dell’ascoltatore, spostando l’ago della bilancia sul versante meno estremo del genere, così come lo scream resta comunque piuttosto intelligibile e le sfuriate della batteria mai caotiche.

Le strutture e in generale l’intero approccio del duo sono improntati alla semplicità e alla reiterazione delle medesime soluzioni. Ritengo perciò questa la ragione per cui i miei brani preferiti si trovano in cima alla scaletta, che col passare dei minuti invece accusa un po’ il colpo e perde di mordente.

Sul versante delle liriche, la copertina illustra chiaramente che Ban All Lights è una tragedia antica articolata in tre capitoli: (Do)minatio, Incursio e Exstinctio. Essa narra di poteri oscuri, viaggi pericolosi, sovrani, eserciti e miti classici. Il tono narrativo della musica ben si sposa con l’idea di raccontare una storia.

In virtù di quanto ascoltato e scritto, i Kerker si rivelano una formazione con uno stile chiaro per quanto non sempre incisivo. Vi consiglierei tuttavia di dedicarvi ai The Last Seed, per poter valutare Neideck e Arges dopo aver compiuto un piccolo passo avanti.

Facebook Comments