KILLERS – …Fils De La Haine | Aristocrazia Webzine

KILLERS – …Fils De La Haine

 
Gruppo: Killers
Titolo: …Fils De La Haine
Anno: 1985
Provenienza: Francia
Etichetta: Devil's Records
Contatti:

Sito web

 
TRACKLIST

  1. Les Fils De La Haine
  2. Sacrifice
  3. Rosalind
  4. Pense À Ton Suicide
  5. Au Nom Du Rock'N'Roll
  6. Killers
  7. Mercenaire
  8. Le Magicien D'Oz
  9. Heavy Metal
  10. Chevaliers Du Déshonneur
DURATA: 39:00
 

Dopo l'ondata di band riformate per approfittare dei diversi revival nei generi musicali, si gode particolarmente a discutere un gruppo attivo senza pausa da decenni. Gli aquitani Killers esistono dal 1982 e a marzo di quest'anno hanno spento le trenta candeline del debutto "…Fils De La Haine", uscito nel 1985 dopo due cassette demo. L'etichetta del tempo si occupava poco del nuovo acquisto Heavy-Speed in scuderia, per cui il disco era quasi introvabile nei negozi. I ragazzi iniziarono così a venderlo per corrispondenza di propria iniziativa, abitudine durata fino a oggi.

Leggendo la biografia sul sito ufficiale, apprendiamo dal membro fondatore Bruno Dolheguy i gusti e le influenze alla base del tipico suono Killers: sul giradischi dei musicisti ruotavano complessi Hard Rock o Heavy nazionali e internazionali, fra cui Trust, Rory Gallagher, Scorpions, Saxon, AC/DC e tanti altri. "…Fils De La Haine" è un grande balzo avanti rispetto a questi esempi ed è un ibrido fra i primi Iron Maiden e Judas Priest, con sfumature Accept rafforzate dalla selvaggia voce rauca e molto versatile di Patrice Le Calvez. Il signore passa disinvoltamente dalla raucedine di Brian Johnson agli acuti spacca-vetri.

Il quintetto eccelle nella creazione di atmosfere adatte a ogni stato d'animo dell'ascoltatore. L'impeto del brano che dà il nome all'album e ricorda "Power From Hell" degli Onslaught passa il testimone all'oscura "Rosalind". La voglia di cantare in coro pervade l'ascoltatore durante l'inno "Heavy Metal" — che potrebbe essere nato dalla mente di Udo Dirkschneider — per sfociare nella cruda melodia à la Bad Religion di "Mercenaire", mentre l'elaborato strumentale "Le Magicien D'Oz" sfoggia la bravura e il potenziale tecnico del gruppo. L'insieme è infine robustamente imballato in una carta marzialmente festosa e legato con nastro d'acciaio inossidabile.

"…Fils De La Haine" è una piccola perla Heavy-Speed da mettere in collezione. Sul sito ufficiale dei Killers troverete tanti titoli attuali, ristampe e magliette a prezzi vantaggiosi.