KINT / VESPERTINA – Thimbles / Ossa

Gruppo:KINT / Vespertina
Titolo:Thimbles / Ossa
Anno:2019
Provenienza:Italia
Etichetta:Mother Ship / To Lose La Track / Sonatine Produzioni
Contatti:KINT: Facebook  Bandcamp  Instagram  Spotify  Soundcloud

Vespertina: Facebook  Youtube  Bandcamp  Instagram  Soundcloud

TRACKLIST

  1. KINT / Vespertina – Glass Bones
  2. Vespertina / KINT – Seventh Sorrow
  3. KINT / Vespertina – Last On List
  4. Vespertina / KINT – Samael
DURATA:19:42

Nel gorgogliante sottobosco della musica alternativa italiana, KINT e Vespertina sono due progetti relativamente giovani, ma i cui protagonisti hanno alle spalle anni e anni di attività. Due progetti diversi nella forma, ma affini nello spirito, che in questo Thimbles / Ossa si uniscono in una performance corale e intensa: i quattro brani di questo split dal vivo, tecnicamente due a testa per gli artisti coinvolti, vedono questi ultimi come una sorta di collettivo coeso che riesce a dare nuova linfa vitale al materiale originale, arricchendolo di sfumature inedite.

Il gruppo modenese, dedito normalmente a qualcosa di assimilabile al noise/post-hardcore, propone “Glass Bones” e “Last On List”, estratti dall’EP B-Side e dall’ottimo Stoned.Immaculate, qui eseguiti in una veste più delicata, ai confini della psichedelia, con un’attitudine quasi indie e con il valore aggiunto di Lucrezia alle tastiere. Dal canto loro, i due pezzi di Vespertina — come prevedibile — sono quelli che vanno incontro a una metamorfosi ben più consistente: Lucrezia non è certo nuova a forme musicali più abrasive, per cui non dev’essere stato un problema traslare le sue “Seventh Sorrow” e “Samael” su territori ben lontani da quelli di Glossolalia (di cui potete farvi un’idea leggendo le nostre impressioni dal vivo), grazie all’apporto strumentale a tutto tondo capace di conferire un’inedita corposità ai due brani.

Nel loro insieme, i quasi venti minuti di Thimbles / Ossa si muovono, come detto, lungo coordinate costanti: l’approccio cantautoriale di Vespertina si sposa benissimo con quello post-rock dei KINT, passando da atmosfere sommesse ad altre più dilatate e di ampio respiro; così come l’alternarsi del cantato in inglese e italiano rappresenta un altro elemento di distinzione tra due realtà così ben integrate l’una con l’altra. Thimbles / Ossa, registrato lo scorso aprile, sarà riproposto in giro per l’Italia durante i mesi finali di questo 2019: un’occasione da non lasciarsi sfuggire, doveste trovarvi in zona.

Facebook Comments