KREMLIN – Decimation Of The Elites

 
Gruppo: Kremlin
Titolo: Decimation Of The Elites
Anno: 2017
Provenienza: Polonia
Etichetta: Godz Ov War Productions
Contatti:

Facebook

 
TRACKLIST

  1. Nuke Them (13 Families)
  2. At War
  3. Kremlin
  4. Decimation Of The Elites
  5. Exterminate The Shapeshifters
  6. Babylon's Regime
  7. Flat Earth
  8. Under Hypnosis
  9. Devilution
DURATA: 33:22
 

I Kremlin sono una formazione proveniente dal Canada e vi basterebbe dedicare loro pochi secondi del vostro tempo per rendervi conto che suonano nient'altro che death metal.

La formula è semplice: prendete i primi Death, quelli di "Scream Bloody Gore" per intenderci, aggiungete la violenza dei Gorefest, specie nei punti più cadenzati, e qualche passaggio dal tiro più svedese qua e là, rievocante la rabbia dei Nihilist. I Kremlin sono una band che non ha tempo da sprecare in orpelli e agisce senza che alcun dubbio la sfiori, come se volesse arrivare sempre dritta al punto senza perdere mai di vista l'obiettivo. "Decimation Of The Elites" è il primo album del gruppo e non conosce né melodia né tanto meno arrangiamenti sofisticati, solo marciume e prepotenza suonati da una batteria che pesta forte e da riff motosega lanciati a gran velocità contro il bersaglio.

Certo, i Kremlin non sono una band con troppe idee: bastano i primi brani per capire che piega prenderà l'album. Di sicuro ciò non sarà un grande problema per gli appassionati e neppure un buon motivo per ignorare parte della scaletta prima di farsi un'idea su di loro: molti dei momenti migliori si possono trovare verso la sezione centrale, come quella randellata a titolo "Babylon's Regime" o la potente "Flath Earth". D'altra parte non posso esimermi dal pensare che la produzione non sia il massimo. Da un disco simile, in genere, ci si aspetta un suono zanzaroso, ma "Decimation Of The Elites" in questo è eccessivo, certe volte anche contro il proprio bene.

Penso che a questo punto saprete già se "Decimation Of The Elites" vi interessi o meno. Chi scrive intende sottolineare che la band, pur non essendo essenziale, non sarà di sicuro una perdita di tempo per chi deciderà di darle una possibilità.

Facebook Comments