KUSUDAMA – Jazz TV

Informazioni
Gruppo: Kusudama
Anno: 2010
Etichetta: Autoprodotto
Autore: Advent

Tracklist
1. Mary Had A Little Lamb
2. Wonderful World
3. 5-6-5-7
4. Summertime

DURATA: 12:09

Nella prateria jazz core/progressive sono fioriti artisti dal calibro di Zu o Naked City.
Pazzia plateale nell’EP “Jazz TV” orchestrato dai Kusudama, ragazzi giovani quanto energici, che fanno di uno stile ripreso da Yakuza, Candiria, Lye By Mistake, The Number Twelve Looks Like You il proprio cavallo di battaglia.
Già a partire dalla copertina e dalla gratuità della fresca uscita si vede come la voglia di suonare corra in parallelo al divertimento che propongono: una mano che regge una granata sulla quale vi è impresso il tasto “play”, un Topolino dentro al quale stanno tante cose, da Miles David nell’orecchio ad un’esplosione in testa passando per una bocca-tastiera, personaggi della Disney come Paperino e Pippo (nel disco sono presenti inserti di quest’ultimo). L’arte non è danaro, è passione ed anche dedicata espressione ludica.
Si fanno tanto trasportare dalla musica che suonano, già con la prima “Mary Had A Little Lamb” saltando allegramente danno inizio alle danze del loro nuovo anno lanciando coriandoli country agli spettatori e lasciandosi sommergere dalle onde create dal trio basso/chitarra/sax.
Sassofono che sarà restio ad andarsene, alternandosi con la voce in modo forte e dolce dalla seconda traccia “5-6-5-7” andando in sincronia con il resto degli strumenti, non si sentono mica strombazzate in questi dodici minuti di ballo!
Così in “Wonderful World” mentre il basso va in slap, la chitarra e il sax saliranno velocemente le scale che comporrano la canzone lasciando spazio anche a un breve rilassamento, dopo la forsennata corsa.
La conclusiva “Summertime” è una filastrocca, dopo un minuto e mezzo di velocità si interrompe perchè non in grado di strozzare più la voce, urla brevi e dirette, che una volta terminate aprono una ballata romantica al chiaro di…BOOM! Si torna a strimpellare sapientemente e STOP! Fine dello spettacolo.

Facebook Comments