LACERATION – Consuming Reality

LACERATION – Consuming Reality

Informazioni
Gruppo: Laceration (USA)
Anno: 2009
Etichetta: Self-Released
Autore: Mourning

Tracklist:
1. Critical Biopsy
2. Arise Within
3. Taphephobia
4. Shadows Of Existence

DURATA: 21:28

Giovane banLACERATION - Consuming Reality d californiana formata da ragazzi attivi nell’underground Usa anche in formazioni come Invection e IT.
Classico thrash metal di stampo americano con un uso della voce di stile quasi Tardiano, riffing serrato, buone accelerazioni e adrenalina a quintali, proposta semplice e alquanto diretta.
I venti minuti che ci offrono come spunto per far la loro conoscenza vengono suddivisi in quattro brani, spinti al confine ultimo col death da cui traggono piglio e cattiveria.
Nella loro immatura e genuina prova spiccano “Arise Whithin” seppur standard nel suo andare, il pestare e l’energia trasmessa la fanno risaltare, in più la prova vocale è acida al punto giusto.
Discorso diverso per “Taphephobia” dove già la costruzione tende a esser più particolareggiata e accattivante pur non eccedendo nei cambi o in chissà quale tipologia di scelte, l’arma di questi ragazzi è la carica esplosiva e il richiamo al panorama estremo più classico che prende forma in questo brano rimandando il pensiero a certe peculiarità dei primi Death e Obituary.
La produzione sporcata dà quel tocco retrò che viene acuito nei richiami della chitarra solista e da un suono di batteria che riporta alla mente i primi novanta, si è lavorato accuratamente in tal senso e la scelta ha giovato al risultato finale.
Non è facile cimentarsi con il genere dimostrandosi freschi e naturali, sono piacevoli e coinvolgenti ed è questo che si cerca in un disco (oltre al fatto che se sia ben suonato male non fa di sicuro) di questo tipo, quell’anima che forse in questi anni ha teso troppo a plastificarsi.
Sono agli inizi, hanno imbeccato la strada giusta, non resta che attendere la prova del nove con il debutto ufficiale, con quello fra le mani avremo conferma o meno della loro validità.

Facebook Comments