LAIKA NELLO SPAZIO – Dalla Provincia

Gruppo:Laika Nello Spazio
Titolo:Dalla Provincia
Anno:2019
Provenienza:Italia
Etichetta:Overdub Recordings
Contatti:Facebook  Youtube  Instagram  Spotify  Soundcloud
TRACKLIST

  1. Il Cielo Sopra Rho
  2. La Scala Di Grigi
  3. Copenhagen
  4. Laika Nello Spazio
  5. Spazi Bianchi
  6. Dalla Provincia
  7. Sogno Immaginifico
  8. Zenit
  9. La Città Delle Stelle
  10. Prestazioni Encomiabili
DURATA:38:03

Da persona cresciuta in quella dimensione spaziale e mentale che è la provincia — nel mio caso quella di Napoli Nord — il debutto dei Laika Nello Spazio non poteva non avere alcun effetto su di me. Le immagini in qualche modo universali della copertina e del lavoro grafico messo insieme da Silvano Ancelotti ci accolgono in un mondo che potrebbe essere ovunque, con chiunque, eppure sappiamo che siamo qui e che siamo noi. Proprio come nel caso de I Maiali che avevamo incrociato qualche giorno fa, siamo di nuovo alle prese con un disco d’esordio pubblicato (ancora una volta con una bella confezione) dalla Overdub Recordings, ma stavolta su coordinate totalmente diverse.

Laika Nello Spazio è un progetto nato a Rho (MI) nel 2016, inizialmente come duo con Vittorio Capella alla voce e al basso e Marco Carloni alla batteria; formazione poi completata con l’ingresso di un altro bassista: Simone Bellomo. L’assenza della chitarra e i costanti intrecci armonici e melodici dei due bassi sono caratteristiche piuttosto peculiari nel sound di riferimento, che a dire il vero è a dir poco variegato. I tre pescano a piene mani da diverse aree della musica alternativa italiana, più o meno provinciale a seconda dei casi. In Dalla Provincia troverete qualcosa di Massimo Volume, Fluxus, Il Teatro Degli Orrori e vari altri nomi di spicco dell’ultima ventina d’anni, tutto visto attraverso una lente molto personale.

Le danze si aprono proprio con “Il Cielo Sopra Rho”, il pezzo che ci situa in una Rho che diventa una specie di Berlino, ma «senza gli angeli di Wenders che ti proteggono», un simbolo della provincia che è sì la città del titolo, ma che allo stesso tempo è anche Campi Bisenzio, Casoria, Fiumicino. Si continua con i singoli con “La Scala Di Grigi”, in cui la voce narrante si interroga sull’essenza della provincia, sullo spopolamento, sul tempo, sulla vita, sull’equilibrio che ogni persona cerca di raggiungere. Qui iniziamo a capire di trovarci davanti a un concept sussurrato, in cui ogni brano ha senso anche se ascoltato separatamente, ma rappresenta una tappa del viaggio che la voce narrante compie, partendo Dalla Provincia in cerca di una trasformazione, che sembra arrivare in “Laika Nello Spazio” sotto forma di individualità assoluta. L’apparente raggiungimento di un’evoluzione attraverso il distacco dagli altri per diventare un singolo ingranaggio del meccanismo nella metropoli, seguita dalla presa di coscienza della complessità del tutto (“Dalla Provincia”).

Siamo di fronte a un disco solido e maturo, di una qualità piuttosto rara per una prima uscita, che sinceramente non mi aspettavo di apprezzare così tanto (direi proprio una prestazione encomiabile). Vi divertirete anche voi a individuare le varie influenze sparpagliate qua e là nei dieci brani, sonorità che i Laika Nello Spazio usano con grande competenza per creare una ricetta che è invece decisamente contemporanea e distinguibile. Se siete finiti qui proprio per questo disco, può essere una buona occasione per andare a esplorare il resto del nostro sito; se invece siete soliti leggerci per materiale più oscuro, date una chance al trio lombardo, potrebbe sorprendervi.

Facebook Comments