LAMENTATIONS OF THE ASHEN – EKIMMV

 
Gruppo: Lamentations Of The Ashen
Titolo:  EKIMMV
Anno: 2013
Provenienza:   U.S.A.
Etichetta: Contaminated Tones Productions
Contatti: Facebook
 
TRACKLIST

  1. …Of Wraiths In White
  2. Eventide Sentinels Bedecked With Ineffable Twilight
  3. Veiled In Clairaudient Litany
  4. Viperine Shades Linger Quiescent Among Erstwhile Passions
  5. Ascent Into The Empyrean
DURATA: 01:06:10
 

Lamentations Of The Ashen è un progetto solista dello statunitense Bon Vincent Fry: dal 2007 a oggi sono già stati realizzati un EP, uno split e due album. "EKIMMV", il secondo parto sulla lunga distanza, uscì originariamente come autoprodotto nel 2011, ma la Contaminated Tones Productions lo ha ristampato quest'anno in un nastro limitato a centocinque copie.

Il compito di aprire "EKIMMV" è affidato a "…Of Wraiths In White", una bella introduzione formata da desolanti note di pianoforte e chitarre dai contorni Drone che riverberano all'infinito. La vera e propria base della proposta di Lamentations Of The Ashen si materializza però in "Eventide Sentinels Bedecked With Ineffable Twilight" e "Viperine Shades Linger Quiescent Among Erstwhile Passions": ciò che ci viene offerto è un Black Metal solenne, atmosferico e dai toni lo-fi.

Un termine di paragone potrebbe essere individuato nel defunto progetto Xasthur, tuttavia la venatura depressiva e angosciante della creatura di Malefic è qui messa da parte: in questo album a farla da padrone è un profondissimo senso di solitudine esistenziale e di distacco dal mondo. Il risultato è un incrocio di soluzioni spesso vicine al Doom: un'espressione musicale nera che passa dalla rabbia feroce a stacchi fieri, malinconici e romantici.

La parte centrale del disco è rappresentata da "Veiled In Clairaudient Litany", una lunga composizione piuttosto diversa dal resto della scaletta. Il Black Metal suonato si ispira a minimalistiche movenze Post Rock (o, se preferite, al cosiddetto Blackgaze) per creare scenari ariosi e permeabili ai raggi solari; nonostante ciò l'atmosfera evocata rimane immersa nello scoramento e nella rassegnazione, e nemmeno la comparsa dell'eterea voce pulita di Patrick Hasson (personaggio già incontrato con il progetto Black Chalice) riesce a rasserenare questi cieli perennemente grigi.

Lamentations Of The Ashen è una visione fredda e inquieta che, ben coadiuvata dallo scream tormentato e lacerante di Fry, tocca le corde più profonde dell'animo e distrugge ogni atomo di speranza rimasto. Qualcuno potrebbe però soffrire la lunghezza dei pezzi, i quali rischiano di annoiare facilmente l'ascoltatore non predisposto a espressioni musicali di questo genere; al contrario, se amate il Black Metal intimo che si intreccia con il Doom, "EKIMMV" è un disco che fa per voi!

Facebook Comments